Russia – importazioni di vino 2017

nessun commento
Print Friendly, PDF & Email

 

Dopo un paio di anni in tono minore, causa anche della forte svalutazione del Rublo, il mercato russo del vino ha messo a segno un balzo del 35% in Euro (20% in Rubli) che lo ha riportato sul livello pre 2015, quindi nell’intorno di 900 milioni di euro. Come si evince dalle due percentuali, quasi metà della crescita in Euro è derivata dall’andamento favorevole (dopo la forte svalutazione) del cambio. L’Italia riveste un ruolo particolarmente rilevante e anche nel 2017 è riuscita a fare leggermente meglio della Francia e a mantenere invariata la quota di mercato, pari a circa il 30%, raggiunta grazie anche al dominio ricoperto nel segmento dei vini spumanti. Infatti, la Russia è uno dei pochi mercati nel mondo dove si bevono più spumanti italiani che francesi: 87 milioni di euro e 226mila ettolitri nel 2017, a rappresentare rispettivamente il 60% e il 68% del totale del mercato. Nel 2018 la musica potrebbe di nuovo cambiare in peggio. Il rapporto di cambio Euro/Rublo è tornato a salire (a segnalare l’indebolimento della parte inferiore della frazione): da 66 in media del 2017 siamo in questi primi 6 mesi del 2018 a 72 circa, il che significherebbe un -9%. Detto questo, essendo il mercato russo strutturalmente in crescita in valuta locale (+18% annuo dal 2012 in media), dovremmo riuscire ancora a commentare dai positivi anche il prossimo anno.

 

  • La Russia ha importato 888 milioni di euro di vino nel 2017, pari a 58.5 miliardi di Rubli, con una crescita rispettivamente del 35% e del 20% sul 2016. La differenza tra i dati in valuta locale e in Euro è molto importante e si ribatte anche sui dati quinquennali, dove si può notare che il +18% annuo in valuta locale si è trasformato in un magro +1%, dovuto alla conversione dei rubli in Euro: nel 2012 bastavano 31 rubli per comprare un Euro, oggi ne servono 66.
  • In termini di volume l’andamento è egualmente positivo nel breve termine, meno a 5 anni: +11% a 4.5 milioni di ettolitri nel 2017 ma -2% a 5 anni appunto.
  • L’Italia dicevamo domina il mercato con 258 milioni di fatturato, +37%, composto da 87 milioni di spumanti (+43%). Va detto che lo spazio di recupero dell’Italia è ancora importante, soprattutto negli spumanti: il massimo toccato nel 2013 era pari a 112 milioni di euro. Per volumi l’Italia viene invece dopo la Spagna, che ha esportato 1.2 milioni di ettolitri contro i nostri 816mila, anche se il gap tra le due si è fortemente ridotto nel 2017.
  • Anche i francesi hanno avuto un ottimo anno, incrementando del 33% le esportazioni a 160 milioni di euro, con 44 milioni di vini spumanti (+29%).
  • Forse l’unico “fenomeno” di crescita (pur con qualche alto e basso) nel mercato russo è il vino spagnolo, che nel 2017 raggiunge 143 milioni. Se notate è l’unico tra gli esportatori elencati che nel 2017 ha raggiunto il massimo storico…

 

Se siete arrivati fin qui…
…ho un piccolo favore da chiedervi. Sempre più persone leggono “I Numeri del Vino”, che pubblica da oltre dieci anni tre analisi ogni settimana sul mondo del vino senza limitazioni o abbonamenti. La pubblicità e le sponsorizzazioni servono per aiutare una missione laica in Perù. Per fare in modo che questo lavoro continui e resti integralmente accessibile, ti chiedo un piccolo aiuto, semplicemente prestando da dovuta attenzione con una visita alle inserzioni e alle sponsorizzazioni presenti nella testata e nella sezione laterale del blog. Grazie. Marco

 

Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>