Champagne – dati di mercato ed esportazioni 2017

nessun commento
Print Friendly, PDF & Email

 

Le spedizioni di Champagne hanno tenuto in volume nel 2017 grazie alla crescita fuori dall’Europa. Insieme a qualche paese europeo (incluso il nostro) in recupero, ciò ha consentito di compensare la flessione nel mercato domestico e in quello inglese. Le 307 milioni di bottiglie del 2017 hanno generato un volume d’affari di circa 4.9 miliardi di euro, in crescita del 3% sul 2016 e del 2% sugli ultimi 5 anni. Dopo la Francia, il principale mercato per valore restano gli USA, che hanno superato il Regno Unito già dal 2015. Sono molto significativi anche i progressi fatti nel mercato giapponese e australiano. La crescita in mercati “difficili” e “lontani” sta continuando anche a far cambiare la struttura della produzione: le maison sono sempre più forti, i vigneron da sempre legati al mercato domestico, sono sempre più deboli. Passiamo a leggere qualche dato insieme.

  • Le spedizioni di Champagne nel 2017 sono state stabili a 307 milioni di bottiglie, con un valore di 4.9 miliardi di euro, invece in crescita del 3%. Le maison sono cresciute dell’1% a 207 milioni, così come le cooperative, mentre i vigneron hanno perso il 4% a 57.4 milioni di bottiglie. Nel giro di 10 anni sono passati dal 23% a meno del 19% delle spedizioni, a vantaggio delle maison che oggi rappresentano il 72% del mercato.
  • Proprio questo spostamento verso aziende più grandi e organizzate sta cambiando la geografia del prodotto. Sempre meno Champagne in Francia (-2% a 154 milioni di bottiglie), che tra l’altro paga un prezzo per bottiglia tra i più bassi, e sempre di più nei mercati extraeuropei, ormai saliti al 25% del totale, come vedete dal grafico poco sotto.
  • Le cose non vanno bene nemmeno nel Regno Unito, anche se resta il principale mercato per volumi, con 27 milioni di bottiglie, -11% e secondo per valore con 415 milioni, -6%.
  • A compensare il calo di Francia e Regno Unito ci pensano gli Stati Uniti, +6% a 23 milioni di bottiglie, con un mix molto elevato (586 milioni di euro, +9% e 25 euro a bottiglia) e il Giappone, +18% in volume a 13 milioni di bottiglie e +23% a 307 milioni in valore.
  • Il mercato tedesco non da soddisfazioni nemmeno ai francesi, essendo stabile a 12.3 milioni di bottiglie e soltanto +2% a valore con 198 milioni di euro, mentre sono di nuovo positivi i dati del Belgio, continua a crescere l’Australia e, da ormai 3-4 anni a questa parte, anche l’Italia. Nonostante il recupero, siamo ancora un buon 20% sotto il picco di oltre 9 milioni di bottiglie toccato nel 2007-08 prima delle due grandi crisi.
  • Ultima annotazione: la Cina. Come vedete la crescita è tornata a essere sostenuta dopo un paio di anni di appannamento. Con 4.3 milioni di bottiglie rappresenta il decimo mercato per lo Champagne.
Se siete arrivati fin qui…
…ho un piccolo favore da chiedervi. Sempre più persone leggono “I Numeri del Vino”, che pubblica da oltre dieci anni tre analisi ogni settimana sul mondo del vino senza limitazioni o abbonamenti. La pubblicità e le sponsorizzazioni servono per aiutare una missione laica in Perù. Per fare in modo che questo lavoro continui e resti integralmente accessibile, ti chiedo un piccolo aiuto, semplicemente prestando da dovuta attenzione con una visita alle inserzioni e alle sponsorizzazioni presenti nella testata e nella sezione laterale del blog. Grazie. Marco
Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>