Svezia – importazioni di vino 2017

nessun commento
Print Friendly, PDF & Email

La svalutazione del 2% della corona svedese a cancellato quella che poteva essere una piccola crescita in euro dell’import (e consumo apparente) di vino in Svezia, comunque sotto il ritmo di torico del +5% circa. L’Italia ha (come in praticamente tutti i principali mercati) fatto un po’ peggio della Francia ma un po’ meglio del resto degli esportatori, a confermare una sorta di “duopolio” italo-francese nel mercato. A supportare questo incremento delle importazioni di vino italiano (+3% a 160 milioni) sono stati i vini spumanti, in crescita del 22% a 31 milioni di euro. La categoria va particolarmente bene e questo è un mercato dove anche gli spagnoli stanno crescendo velocemente, entrambi prendendo quote di mercato al prodotto francese. Il 2018 potrebbe essere più difficile: la corona ha perso il 5% in questa prima parte dell’anno. Ma intanto soffermiamoci sul 2017.

  • La Svezia ha importato 2.15 milioni di ettolitri di vino, il 2% in meno del 2016 ma esattamente in linea con la media degli ultimi 5 anni. Il valore del vino importato è invece rimasto stabile in euro a 642 milioni di euro e cresciuto del 2% in corone svedesi a 6.2 miliardi. In entrambi i casi ci troviamo a commentare un anno meno positivo della storia recente, in cui l’incremento è stato del 3% annuo circa in euro e del 5% in corone.
  • La Francia mantiene la leadership nel mercato con 176 milioni di esportazioni, +7% sul 2016 e +10% annuo dal 2012 a questa parte. Di questi, circa 61 sono vini spumanti che hanno seguito un ritmo di crescita quasi perfettamente allineato ai vini fermi.
  • A sospingere la performance italiana sono stati invece i vini spumanti, come in molti altri luoghi. In Svezia inviamo 160 milioni di euro di vino, 5 milioni in più dello scorso anno (+3%). Proprio questi 5 milioni vengono dai vini spumanti, passati da 26 a 31 milioni. Dove l’Italia è da ormai diversi anni leader sono in volumi, 521mila ettolitri nel 2017, +8% sul 2016 e il 40% in più dei volumi esportati dai francesi.
  • Dopo Italia e Francia c’è sostanzialmente il vuoto, non tanto in termini di volume (Spagna e Sud Africa spediscono 200-250mila ettolitri ciascuna), ma piuttosto in termini di valore. La Spagna esporta solo 64 milioni di euro (+9%) e di questi ben 18 sono relativi ai vini spumanti (+27%). Sorprendentemente i tedeschi sono i quarti esportatori: la vicinanza geografica aiuta la Germnia, che ha esportato 39 milioni di euro (+11%), precedendo i Sudafricani in caduta libera (-13% e -11% annuo dal 2012 al 2017) e gli americani che dopo una crescita costante durata fino al 2016 hanno subito un brusco calo (-14%). Poca fortuna continuano anche ad avere i vini cileni e australiani.
Se siete arrivati fin qui…
…ho un piccolo favore da chiedervi. Sempre più persone leggono “I Numeri del Vino”, che pubblica da oltre dieci anni tre analisi ogni settimana sul mondo del vino senza limitazioni o abbonamenti. La pubblicità e le sponsorizzazioni servono per aiutare una missione laica in Perù. Per fare in modo che questo lavoro continui e resti integralmente accessibile, ti chiedo un piccolo aiuto, semplicemente prestando da dovuta attenzione con una visita alle inserzioni e alle sponsorizzazioni presenti nella testata e nella sezione laterale del blog. Grazie. Marco

 

 

Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>