I canali di vendita del vino e tipologia di etichette – indagine Mediobanca 2017

nessun commento
Print Friendly, PDF & Email

 

L’analisi dell’evoluzione dei canali di vendita del vino è giocoforza un esercizio di lungo termine. Il cambiamento graduale del campione e la sua parzialità (infatti l’analisi si riferisce al 60% circa del campione Mediobanca) possono determinare piccoli scostamenti tra un anno e l’altro ma la verità di lungo termine non cambia. Per esempio, i dati 2017 che vedete pubblicati mostrano un leggero calo della vendita diretta in % al totale delle vendite, ma si tratta di un dato che si confronta con un forte balzo dello scorso anno ed è allineato a un trend di crescita di lungo termine. È invece in piena coerenza con i dati osservati negli anni passati il calo del peso della grande distribuzione, che comunque resta pur sempre il canale preponderante di distribuzione del vino (ad esclusione dei prodotti sopra i 25 euro, che continuano a essere un segmento in mano alla distribuzione tradizionale e al canale Ho.Re.Ca.). Mediobanca ha poi anche aggiornato al 2018 la lista delle etichette; ne ha censite mediamente 143 per azienda, per un totale di circa 8000. DOC/DOCG e “grandi vini” sono in costante crescita e rappresentano nell’indagine 2018 il 54.6% del totale, un ulteriore piccolo passo in avanti rispetto al 2016 su cui si nota l’aumento soprattutto da parte delle cooperative. Passiamo a commentare qualche dato insieme.


  • Nel 2017 i canali di distribuzione del vino, calcolati sul 61% del campione Mediobanca di cui commentiamo i dati ogni anno, sono caratterizzati da un ulteriore calo della quota della grande distribuzione al 38.2%, ormai ben lontana dal picco del 45% toccato nel 2012. Anche se non cresce sul 2016, la vendita diretta è stata del 12.6%, il doppio di 5 anni fa. Si riprende rispetto allo scorso anno ma resta sotto il dato del 2012 la quota del canale della ristorazione, che rappresenta secondo l’indagine il 16.5% del totale, mentre enoteche e winebar stanno costantemente riprendendo quota: 8% contro il 7.3% del 2016 e l’8.4% del 2012. Sono invece più o meno sempre intorno al 17% i grossisti e altri intermediari.
  • Muovendosi sul canale specifico dei vini oltre i 25 euro, si nota un balzo della vendita diretta al 19% del totale, segno che le aziende si stanno organizzando, mentre scende un pochino rispetto al 2016 la quota delle enoteche, che però è decisamente più alta di qualche anno fa. Sempre meno significativo è il peso della GDO, che rappresenta soltanto il 3% di questo specifico canale.
  • La parte relativa alle etichette ci dice che il 5% circa sono relativi a vini sopra i 25 euro, poi una quota del 12% è vino DOCG sotto i 25 euro, il 37% vino DOC, il 35% IGT e il 10% vini comuni. La tendenza come dicevamo sopra è la crescita delle etichette di alta qualità, che sta prendendo piede a spese delle etichette di vini IGT. Dopo gli anni della crisi è infine tornato a calare il peso delle etichette di vini comuni.
Se siete arrivati fin qui…
…ho un piccolo favore da chiedervi. Sempre più persone leggono “I Numeri del Vino”, che pubblica da oltre dieci anni tre analisi ogni settimana sul mondo del vino senza limitazioni o abbonamenti. La pubblicità e le sponsorizzazioni servono per aiutare una missione laica in Perù. Per fare in modo che questo lavoro continui e resti integralmente accessibile, ti chiedo un piccolo aiuto, semplicemente prestando da dovuta attenzione con una visita alle inserzioni e alle sponsorizzazioni presenti nella testata e nella sezione laterale del blog. Grazie. Marco
Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>