Vendite di vino per denominazione nella GDO Italiana – aggiornamento 2017

nessun commento
Print Friendly, PDF & Email

All’interno di un mercato in leggera crescita, analizziamo oggi le vendite per vitigno in bottiglia nel 2017, grazie ai dati dettagliati ricevuti da IRI e raccolti in una presentazione di Vinitaly dell’azienda di reporting e consulenza. Partiamo da uno scenario di costante e moderata crescita del prodotto di qualità nella grande distribuzione, che nel 2017 è cresciuto del 3.4% (prodotto in bottiglia e prodotto DOC/DOCG), all’interno di un mercato in crescita del 2%, con un contributo principalmente derivante dal prezzo/mix. Per quanto riguarda i vini DOC/DOCG, nel post di riferimento di gennaio 2018 trovate i dati dettagliati. Tornando ai nostri dati, qui troviamo circa la metà del totale venduto in bottiglia e circa i due terzi del DOC/DOCG: la leadership del Chianti si rafforza ulteriormente con una crescita dell’8%; lo stesso si può dire per il Vermentino, sempre più dominante tra i vini bianchi fermi e ormai il numero tre in Italia da qualche anno. I vini bianchi in genere vanno meglio dei rossi, +5%, contro +4% per le prime 30 referenze circa censite da IRI. Nel post vi allego anche un interessante grafico dove mettiamo in relazione le vendite in valore e il prezzo medio per bottiglia. In quel grafico trovate le maggiori denominazioni “premium” del mercato (ovviamente escludendo gli ovvii Barolo, Brunello e Amarone, che però hanno volumi di vendita piuttosto limitati): Gewurtztraminer, Morellino di Scansano, Prosecco, Vermentino e via gli altri. E infine il grafico che mette in relazione volumi e prezzi per denominazione. Buona lettura del resto del post.

  • Le due principali referenze italiane del vino di qualità in bottiglia allungano il passo nella GDO. Il Chianti cresce dell’8% a 69 milioni di euro con volumi stabili a 13 milioni di litri, mentre il Vermentino raggiunge quota 43 milioni di euro, anch’esso +8% ma sospinto da un incremento dei volumi del 6% (7.2 milioni di litri).
  • Proprio il Vermentino, insieme al Traminer sono i due prodotti in crescita più marcata negli ultimi 5 anni tra i vini non spumanti, con un tasso di crescita medio dell’8% e del 10% rispettivamente.
  • Il Traminer è anche il più “caro” tra i vini con un fatturato importante, visto che supera i 6.5 euro al litro. Ovviamente stiamo escludendo i grandi rossi, che a beneficio di chi legge hanno vendite inferiori a 10 milioni di euro (circa 9 Amarone e Brunello, 6 per il Barolo) e prezzi medi tra i 16 e i 20 euro al litro.
  • Gli altri vini importanti della GDO hanno avuto andamenti meno positivi. +3% il Lambrusco a 47 milioni, anche se apparentemente in ripresa rispetto agli scorsi anni, circa stabili gli altri, a partire dallo Chardonnay (-1%), Barbera (+1.4%), Montepulciano (+1%), Prosecco non spumante (stabile).
  • In fase calante sono invece stati il Nero d’Avola (dopo anni di crescita) e la Bonarda (dove invece il trend negativo sembra strutturale).
  • Dopo aver detto dei vitigni bianchi in forte crescita, due parole le meritano i corrispondenti rossi. Il Cannonau cresce del 12% nel 2017 a 17 milioni, mentre il Primitivo pugliese balza del 23% all’interno di un trend di forte crescita (+26% annuo sugli ultimi 4 anni).
Se siete arrivati fin qui…
…ho un piccolo favore da chiedervi. Sempre più persone leggono “I Numeri del Vino”, che pubblica da oltre dieci anni tre analisi ogni settimana sul mondo del vino senza limitazioni o abbonamenti. La pubblicità e le sponsorizzazioni servono per aiutare una missione laica in Perù. Per fare in modo che questo lavoro continui e resti integralmente accessibile, ti chiedo un piccolo aiuto, semplicemente prestando da dovuta attenzione con una visita alle inserzioni e alle sponsorizzazioni presenti nella testata e nella sezione laterale del blog. Grazie. Marco

 

 

Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>