Portogallo – esportazioni di vino – aggiornamento 2017

nessun commento
Print Friendly, PDF & Email

Il Portogallo recupera parte del terreno perso sui volumi esportati negli ultimi anni e mette a segno il migliore anno di sempre, con una crescita delle esportazioni di vino dell’8% a 778 milioni di euro. A consentire tale exploit sono una serie di mercati “secondari”. Alcuni di questi, come l’Angola, negli ultimi anni hanno avuto un andamento particolarmente volatile e ancora oggi sono ben lontani dal livello raggiunto un tempo, altri sembrano essersi finalmente svegliati. Parliamo del Brasile, dove il Portogallo cresce del 53% dopo anni di stabilità (e per i portoghesi il Brasile dovrebbe essere il mercato “ovvio”), ma anche della Cina dove da tre anni a questa parte le esportazioni crescono in modo piuttosto solido. Quindi, tornando a bomba alla considerazione iniziale, dopo 3-4 anni a cavallo dei 720-730 milioni, le esportazioni portoghesi finalmente si sono sbloccate. Passiamo a commentare qualche dato.

  • Nel 2017 il Portogallo ha esportato vino per 778 milioni, +7% sul 2016 e +2% medio dal 2012 a questa parte. I volumi sono cresciuti anch’essi, +8% a 3 milioni di ettolitri, ma sono ancora sotto il record storico di 3.4 milioni del 2012.
  • Il principale mercato resta la Francia, stabile a 110 milioni di euro e 394mila ettolitri esportati. Salgono invece del 5% sia il mercato inglese che quello americano, entrambi +5% e entrambi 79 milioni di euro. I volumi sono anch’essi praticamente coincidenti, circa 200mila ettolitri. Va sottolineato che il mercato americano ha uno sviluppo nel tempo decisamente positivo per i vini portoghesi: se continua diventerà certamente il secondo mercato nel 2018, anche se la svalutazione del dollaro non aiuterà.
  • Germania e Olanda sono poi entrambi a 47 milioni di euro, con un trend divergente: cresce la Germania, +6% e +4% medio sui 5 anni, cala l’Olanda a -8%.
  • Dopo questi mercati e il Belgio stabile a 46 milioni, vengono le montagne russe del mercato dell’Angola, +40% a 46 milioni, ma era il doppio nel 2014.
  • Il Brasile sembra invece muoversi finalmente nella giusta direzione, come abbiamo anche visto dai trend di importazione. +53% nel 2017 a 44 milioni, dopo diversi anni sotto i 30 milioni di euro.
  • Sembrano anche molto solidi i progressi nel mercato spagnolo (+19% a 23 milioni di euro), ma soprattutto in quello cinese (+24% nel 2017 e +15% medio annuo dal 2012 a questa parte).
  • Un occhio finale alle categorie di export per notare che nel 2017 si è registrato un rimbalzo delle esportazioni di vini sfusi, +21% a 53 milioni, all’interno di un trend discendente che durava da diversi anni, mentre resta marginale l’attività nei vini spumanti.
Se siete arrivati fin qui…
…ho un piccolo favore da chiedervi. Sempre più persone leggono “I Numeri del Vino”, che pubblica da oltre dieci anni tre analisi ogni settimana sul mondo del vino senza limitazioni o abbonamenti. La pubblicità e le sponsorizzazioni servono per aiutare una missione laica in Perù. Per fare in modo che questo lavoro continui e resti integralmente accessibile, ti chiedo un piccolo aiuto, semplicemente prestando da dovuta attenzione con una visita alle inserzioni e alle sponsorizzazioni presenti nella testata e nella sezione laterale del blog. Grazie. Marco
Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>