Advini – risultati 2017

nessun commento
Print Friendly, PDF & Email

 

Il secondo semestre di Advini è andato come, se non peggio, del primo e quindi le conclusioni che si potrebbero trarre dal post di oggi sono sovrapponibili a quelle dello scorso novembre relativamente ai dati del primo semestre. Ci sono progressi, naturalmente: le vendite dei prodotti “propri” rispetto a quelli distribuiti di terzi cresce al 34% del totale e in percentuale del 24% e le acquisizioni continuano con l’operazione su Stellenbosch Vineyards in Sud Africa (10 milioni di vendite e un margine EBITDA tra il 12% e il 15%), che va a completare il posizionamento del gruppo nel paese. A ciò comincia però ad aggiungersi qualche dismissione, perché la situazione finanziaria sta diventando preoccupante, con 168 milioni di debito a fronte di 15 milioni di MOL… per cui si sono stati venduti vigneti e cantine per 6-7 milioni di euro. Ricapitolando il piano al 2020: vendite di 500 milioni di euro, e siamo lontanissimi a 250; proporzione marche proprie al 50% sul totale, e qui ci si potrebbe arrivare, siamo al 34% nel 2017 e il fatturato cresce velocemente in seguito alle acquisizioni; ultimo, un margine MOL del 10% rispetto al 6% attuale, che non da segni di migliorare nonostante il miglioramento evidente del mix di fatturato (da marchi di terzi a marchi propri, da grande distribuzione a clientela tradizionale e HoReCa, oltre a vendita diretta). Mah, i dubbi aumentano. In borsa, sul titolo, calma piatta… veleggia a 35 euro per azione da ormai un anno a questa parte. Per ora andiamo a studiare qualche dato sul 2017.

  • Le vendite nell’anno salgono del 4% a 250 milioni di euro, e si compongono di un fatturato praticamente fermo in Francia e di un incremento da 88 a 97 milioni di euro all’estero, +10%, che l’azienda non specifica in termini di quanto derivi da acquisizioni e quanto da crescita organica. Le altre informazioni di cui disponiamo è che 87 milioni di euro di vendite, +24% vengono da marchi propri, quindi il 34% del fatturato (loro dicono 35% ma a me 87 diviso 250 fa 34%…).
  • I margini scendono rispetto allo scorso anno, quando però il gruppo ha goduto di 5 milioni di euro di proventi straordinari a livello di MOL. Ad ogni buon conto, anche togliendo i 5 milioni dal 2016 il margine sarebbe sceso dal 6.2% al 5.9% del 2017, con un andamento in valore assoluto perfettamente stabile. Sotto, a differenza degli anni passati, crescono gli ammortamenti perché il perimetro dell’attività cresce e quindi l’utile operativo scende sotto quota 5 milioni, mentre grazie a 1 milione di crediti fiscali l’azienda chiude con 4.3 milioni di euro di utile netto.
  • La parte finanziaria come dicevamo peggiora. Il debito sale da 150 a 168 milioni di euro. La generazione di cassa dell’attività è stata quasi nulla nel 2017, a causa di un assorbimento di capitale circolante di 9 milioni (magazzino principalmente). Quindi i 18 milioni di crescita del debito derivano da 1 milione di dividendi, 14 milioni di investimenti e 3 milioni di acquisizioni, per dare un’idea di massima. Confrontato con un MOL di 15 milioni, siamo a un rapporto di oltre 10x, molto elevato anche se bisogna sempre considerare che l’azienda ha 125 milioni di euro di attività tangibili (di cui una sessantina in terreni) a “proteggere” i creditori.
Se siete arrivati fin qui…
…ho un piccolo favore da chiedervi. Sempre più persone leggono “I Numeri del Vino”, che pubblica da oltre dieci anni tre analisi ogni settimana sul mondo del vino senza limitazioni o abbonamenti. La pubblicità e le sponsorizzazioni servono per aiutare una missione laica in Perù. Per fare in modo che questo lavoro continui e resti integralmente accessibile, ti chiedo un piccolo aiuto, semplicemente prestando da dovuta attenzione con una visita alle inserzioni e alle sponsorizzazioni presenti nella testata e nella sezione laterale del blog. Grazie. Marco

 

 

Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>