Abruzzo – produzione di vino 2016 e stima 2017

nessun commento
Print Friendly, PDF & Email

 

La produzione di quasi 4 milioni di ettolitri registrata nel 2016 in Abruzzo è stata una specie di massimo storico per la regione, con una crescita di un terzo rispetto al 2015 e un livello del 40% superiore alla media storica 2005-2016. Fissare questo punto è importante per comprendere anche il 2017, anno in cui si prevede un calo del 30% a 2.8 milioni di ettolitri, non dissimile dalla media italiana: se confermato, questo dato non sarebbe che il 5% sotto la media storica produttiva della regione, quando invece per l’Italia si prevede un livello del 15% circa inferiore alle medie storiche. L’analisi della produzione 2016 mette comunque in luce che questo milione di ettolitri prodotto in più si è tutto riversato nella categoria dei vini da tavola, rossi soprattutto, mentre i vini DOC sono rimasti all’incirca stabili intorno a 1 milione di ettolitri. Passiamo ai dati 2016 di dettaglio.

  • La produzione totale abruzzese 2016 è di 3.9 milioni di ettolitri di vino e 50mila ettolitri di mosti, +33% sul 2015 e +41% sulla media storica.
  • Per il 2017 si prevedono 2.76 milioni di ettolitri, quindi -30% sul 2016 ma comunque soltanto il 4-5% sotto la media storica di 2.8-2.9 milioni di ettolitri.
  • La produzione 2016 è stata molto forte nel segmento dei rossi, +42% a 2.7 milioni di ettolitri e oltre il 50 sopra la media storica, mentre i vini bianchi a 1.2 milioni di ettolitri sono cresciuti soltanto del 16% e sono stati il 18% sopra la media storica.
  • Come dicevamo nella premessa, tutta questa produzione di vini rossi è in realtà finita nel segmento dei vini comuni, +90% da 0.9 a 1.7 milioni di ettolitri, mentre la produzione di rossi DOC è cresciuta del 6% a 824mila ettolitri e quella degli IGT è scesa del 31% a 129mila ettolitri, livello comunque molto basso. Nel segmento dei vini bianchi, la produzione DOC è addirittura calata del 18% a 211 mila ettolitri, a vantaggio dei bianchi IGT, +64% a 258mila ettolitri e dei vini comuni bianchi, +18% a 772mila ettolitri.
  • Sommando tutto, la produzione abruzzese 2016 “sterza” di nuovo verso i vini comuni, che diventano il 64% della produzione rispetto a un valore mediamente calante degli anni scorsi, che aveva toccato il 44% di minimo nel 2014.
  • Vi attacco anche le solite tabelle con i dati sugli ettari vitati, che segnalano un calo della superficie (da verificare) a 31mila ettari. Come abbiamo commentato per il Lazio sembrerebbe essere più strano il fatto che le superficie erano cresciute nel 2015, ma non abbiamo riferimenti precisi.
Se siete arrivati fin qui…
…ho un piccolo favore da chiedervi. Sempre più persone leggono “I Numeri del Vino”, che pubblica da oltre dieci anni tre analisi ogni settimana sul mondo del vino senza limitazioni o abbonamenti. La pubblicità e le sponsorizzazioni servono per aiutare una missione laica in Perù. Per fare in modo che questo lavoro continui e resti integralmente accessibile, ti chiedo un piccolo aiuto, semplicemente prestando da dovuta attenzione con una visita alle inserzioni e alle sponsorizzazioni presenti nella testata e nella sezione laterale del blog. Grazie. Marco
Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>