Esportazioni di vino Italia – aggiornamento ottobre 2017

nessun commento
Print Friendly, PDF & Email

 

Ottobre, con novembre, era uno dei due mesi chiave per chiudere il 2017, caratterizzato dal picco delle esportazioni di spumante ma anche da livelli sostenuti di spedizioni di vini fermi. A dispetto delle notizie poco positive lette recentemente (che forse si avvereranno il prossimo anno), le cose non sono andate così male. I vini spumanti sono cresciuti del 9%, “montando” sul +32% dello scorso anno, mentre i fini fermi sono cresciuti del 5%, in questo caso su una base di comparazioni molto meno sfidante. Il quadro d’insieme vede una crescita a ottobre dell’8%, spinta per il 5% dai volumi e per il 3% dal prezzo-mix. Nell’arco dei primi 10 mesi dell’anno, la velocità è +7%, con +6% dai volumi e +1% dal prezzo mix. Vi metto questi valori proprio per farvi comprendere quale potrebbe essere il problema del 2018: la mancanza di prodotto da esportare. Con un’evoluzione positiva fortemente incentrata sui volumi, il nostro export potrebbe essere più esposto di altri alle conseguenze della vendemmia difficile del 2017. Oltre a questo, si innesterà il tema valutario: come potete vedere meglio di me, la svalutazione del dollaro viaggia intorno al 6% in media sullo scorso anno, ma anche le altre valute chiave per noi sono giù tra il 2% e il 5%. Fatto un conto a spanne, se non recuperato nei prezzi l’impatto negativo si potrebbe aggirare nell’intorno di 150 milioni di euro, quindi il 2-3% in meno. Passiamo ai dati di ottobre.


  • Le esportazioni di ottobre sono cresciute dell’8% a 589 millioni di euro, con un incremento del 5% dei volumi a 2m/hl e un prezzo medio di 2.97 euro al litro, +3%. L’anno si avvia dunque a chiudere a circa 6 miliardi di euro. Siamo sugli ultimi 12 mesi a 5938 milioni, con un incremento del 5% negli ultimi due mesi dell’anno dovremmo farcela a fare un +7%, con un contributo importante dei volumi (+6% sugli ultimi 12 mesi, poco sotto 22m/hl) e un prezzo mix stabile.
  • Come ben sapete i dati mensili per geografia sono molto volatili. Per quel che conta, gli USA sono tornati a crescere leggermente, è andata bene la Germania, la Svizzera, il Canada e i paesi nordici, tutti in crescita di oltre il 10%. Allargando lo sguardo, USA Germania e Regno Unito, che sono la metà del nostro export viaggiano al ritmo del 4-5%, quindi l’altra metà viaggia al ritmo dell’8-9%.
  • I dati per sottocategoria mostrano una normalizzazione dei tassi di crescita degli spumanti, in crescita del 9% a 147 milioni di euro con volumi a +4%. La categoria viaggia al ritmo del 13-14% da inizio anno, e si appresta a chiudere a circa 1.4 miliardi di euro l’anno, quasi un quarto dei 6 miliardi totali attesi. Nonostante le preoccupazioni sul Regno Unito, i dati che emergono continuano a essere moderatamente positivi, mentre sta decisamene riprendendo vigore il business in Russia, che è in crescita del 50%.
  • Nel segmento dei vini fermi in bottiglia l’anno si chiuderà intorno al +5%. Anche in questo caso, USA Germania e Regno Unito sono a +2% circa e rappresentano la metà. Il resto del mondo è in crescita quindi dell’8%.
Se siete arrivati fin qui…
…ho un piccolo favore da chiedervi. Sempre più persone leggono “I Numeri del Vino”, che pubblica da oltre dieci anni tre analisi ogni settimana sul mondo del vino senza limitazioni o abbonamenti. La pubblicità e le sponsorizzazioni servono per aiutare una missione laica in Perù. Per fare in modo che questo lavoro continui e resti integralmente accessibile, ti chiedo un piccolo aiuto, semplicemente prestando da dovuta attenzione con una visita alle inserzioni e alle sponsorizzazioni presenti nella testata e nella sezione laterale del blog. Grazie. Marco

 

 

 

Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>