Constellation Brands – risultati primi 9 mesi 2017

nessun commento
Print Friendly, PDF & Email

Per quanto ancora una volta Constellation Brands abbia rivisto leggermente al rialzo la sua stima di utile per azione 2017/18, questi risultati trimestrali non sono stati per nulla convincenti. Diversi aspetti ci portano a questa conclusione: 1) le vendite di vino e i margini dell’attività sono per la prima volta andati rispettivamente in negativo (-2.5%) e in calo. Anche la crescita dei brand ritenuti “chiave” (core) è stata molto bassa (+2.6%). I margini del vino per la prima volta scendono, nonostante il positivo effetto mix della vendite delle attività canadesi. 2) Nel segmento della birra si indebolisce l’effetto volumi (+6%), e le vendite crescono soprattutto grazie ai prezzi. In questo quadro, come potete vedere dai grafici il circolo virtuoso dell’azienda fatto di crescita e miglioramento dei margini si è decisamente interrotto. Gli invesititori hanno punito l’azione in borsa con un calo del 3%, da un livello peraltro di massimo storico di 225 dollari per azione. Il prossimo trimestre è meno significativo. Intanto, la stima di utili a fine anno cresce ancora un pochino grazie a utili che derivano da altre attività minori. Passiamo all’analisi dei dati.


  • Le vendite consolidate sono calate dell’1% a 1.8 miliardi di dollari. Togliendo vendite e acquisizioni di attività (vino in Canada venduto), le vendite sarebbero cresciute del 5%, di cui +8% nel segmento birra e 0% nel segmento vino, togliendo l’impatto del Canada (altrimenti come vedete dalla tabella le vendite sono a -10%).
  • L’andamento del segmento vino è molto poco convincente. Il trimestre terminato a Novembre mostra un calo delle vendite al dettaglio dei vini CBrands del 2.5% (+2.6% se consideriamo soltanto i marchi chiave). Vero è che il trimestre precedente era stato un +5%, ma chiaramente questo trimestre è il più importante dell’anno per il prodotto dell’azienda USA. Infatti, il management ha dichiarato che quest’anno il segmento vino crescerà nella parte bassa del range del +4/6% fornito a inizio anno. Segno che le cose non sono andate come previsto…
  • Anche i margini non sono andati come si poteva sperare. L’utile operativo consolidato è in calo del 9%, primo dato negativo credo da almeno 5 anni. C’è ovviamente la questione vino canadese che porta via utili, ma nei trimestri precedenti la forza delle attività esistenti aveva compensato questo effetto, cosa che non si è ripetuta in questo trimestre. Se restringiamo l’analisi al segmento vino, l’utile operativo cala del 14% a 199 milioni di dollari, dopo il -10% del trimestre precedenti. Sugli ultimi 12 mesi, come potete vedere dal grafico, l’utile operativo del segmento vino è di 786 milioni di dollari, ormai meno della metà del contributo della birra (e delle altre attività minori) che ha raggiunto quota 1.7 miliardi di dollari.
  • La struttura finanziaria vede un incremento del debito da 8.8 a 9.1 miliardi di dollari in seguito all’accelerazione del piano di riacquisto di azioni, a fronte di un patrimonio netto di 9.2 miliardi di dollari.
  • Infine, la stima di utile per azione 2017 sale da 8.25-840 dollari per azione da 8.40-8.50, nonostante i dati deboli del segmento vino. Ciò deriva dall’effetto prezzo nel segmento birra (oltre +5%) e dall’effetto positivo dei riacquisti di azioni.
Se siete arrivati fin qui…
…ho un piccolo favore da chiedervi. Sempre più persone leggono “I Numeri del Vino”, che pubblica da oltre dieci anni tre analisi ogni settimana sul mondo del vino senza limitazioni o abbonamenti. La pubblicità e le sponsorizzazioni servono per aiutare una missione laica in Perù. Per fare in modo che questo lavoro continui e resti integralmente accessibile, ti chiedo un piccolo aiuto, semplicemente prestando da dovuta attenzione con una visita alle inserzioni e alle sponsorizzazioni presenti nella testata e nella sezione laterale del blog. Grazie. Marco
Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>