Esportazioni di vino Italia – aggiornamento agosto 2017

nessun commento
Print Friendly, PDF & Email

Mentre impazza la polemica sul sorpasso Francia-Italia nelle esportazioni in USA che commenteremo nei prossimi mesi, soffermiamoci oggi sulla performance esportativa dell’Italia fino ad Agosto, pubblicata giovedì scorso da ISTAT. I dati sono positivi (+8%) anche in questo mese poco significativo, tanto più che si confrontavano con un agosto 2016 particolarmente carico (+18%). Entrando nel particolare, continuano a essere molto forti i dati sugli spumanti (+16%), mentre cominciano a vedersi alcuni segnali di indebolimento sul mercato americano (solo +2% rispetto a un dato annuo ancora in crescita dell’8%), probabilmente anche legati al cambio. Gli USA non sono però l’unico mercato che mostra segni di indebolimento tra i nostri grandi bacini di esportazione. Infatti, come potete notare anche dal grafico sono i mercati “secondari” a tirare più di quelli principali. Nei primi 8 mesi dell’anno, a fronte di un incremento dell’export totale del 7.7% per 3.75 miliardi di euro, i primi 10 mercati (che contano per quasi 3 miliardi di euro) sono in crescita del 6%, mentre la “coda” di tutti gli altri mercati (750 milioni di euro) è in crescita del 14%. Direi una buona notizia: più diversificazione, meno rischio… Passiamo ai dati.


  • Le esportazioni di agosto sono cresciute dell’8% a 421 milioni, portando il saldo da inizio anno a 3750 milioni di euro, con un tasso di crescita identico. Rispetto ai primi mesi dell’anno rallentano un po’ i vini in bottiglia, +4.4%, mentre sta riprendendo forza l’export di prodotti fermi in altri formati, +15%. Continua senza soste la crescita dei nostri spumanti, +16% anche in questo mese, con un ritmo simile ai mesi precedenti.
  • Passando ai diversi mercati, gli USA in Agosto sono praticamente stabili (+2%), mentre la Germania subisce un brusco rallentamento (-5%) all’interno di un trend positivo del +3% circa. A compensare la debolezza di queste aree viene il recupero del Regno Unito, dove anche Agosto mostra una forte accelerazione (+15%), che porta il saldo dei primi 8 mesi a +8%. Svizzera, Canada, Francia e Svezia mostrano tutti dati da positivi a molto positivi. Soprattutto Canada e Francia sono mercati che crescono di oltre il 10%.
  • Che cosa succede “sotto i primi 10” che noi normalmente mostriamo? Bene, finalmente nei primi 8 mesi l’undicesimo mercato si chiama Cina, 76 milioni contro gli 85 del decimo mercato e un andamento fortemente positivo (+24%), poi 75 milioni in Belgio dodicesimo mercato (+12%), 59 milioni in Russia quattordicesimo mercato (+48%), +80% in Brasile a 24 milioni di euro, ventesimo mercato, +25% in Messico con 22 milioni il 21esimo mercato. Senza dimenticarsi le repubbliche baltiche, che insieme fanno 35 milioni di euro e che crescono a un ritmo del 20%. Ecco, finalmente stanno tornando i “BRIC” a sostenere le esportazioni italiane!
  • Un ultimo commento sugli spumanti, dove il Regno Unito ha avuto un ottimo mese, +26%. Va poi notato che lo spumante italiano sta ritornando gradualmente ai livelli pre crisi in Russi: le esportazioni sono in crescita del 35% quest’anno. Un buon segno, soprattutto perché il 52% del nostro spumante finisce in due mercati, Regno Unito e USA…
Se siete arrivati fin qui…
…ho un piccolo favore da chiedervi. Sempre più persone leggono “I Numeri del Vino”, che pubblica da oltre dieci anni tre analisi ogni settimana sul mondo del vino senza limitazioni o abbonamenti. La pubblicità e le sponsorizzazioni servono per aiutare una missione laica in Perù. Per fare in modo che questo lavoro continui e resti integralmente accessibile, ti chiedo un piccolo aiuto, semplicemente prestando da dovuta attenzione con una visita alle inserzioni e alle sponsorizzazioni presenti nella testata e nella sezione laterale del blog. Grazie. Marco

 

Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>