Cile – esportazioni di vino – primo semestre 2017

nessun commento
Print Friendly, PDF & Email

I cileni viaggiano spediti verso oriente, prendendosi quote di mercato importanti nel mercato cinese e rimpiazzando in questa maniera le perdite nel mercato inglese. Questo ci dicono i dati di UN Comtrade raccolti sulle esportazioni cilene dei primi 6 mesi 2017, in crescita del 9% in Euro a 843 milioni di euro, e del 2% in valuta locale cilena, a 602 milioni di pesos (quindi un andamento “meno” positivo quando si deve valutare gli introiti per i produttori del paese, che ovviamente ragionano nella loro valuta). Cina e Giappone sono rispettivamente il primo e il terzo mercato in questi primi 6 mesi dell’anno, e rappresentano un quarto delle esportazioni di vino del paese. Ma non è tutto oro quello che luccica: circa un terzo della crescita deriva da spedizioni massicce di prodotti sfusi verso l’Argentina, a occhio… Passiamo all’analisi dei dati.

  • Le esportazioni di vino cileno crescono del 9% in Euro a 843 milioni. In realtà l’effetto cambio è preponderante, circa il 9%. Se rigiriamo i dati in Pesos Cileni il progresso si riduce a +2% da 593 a 602 miliardi.
  • La crescita è soprattutto supportata dai prodotti sfusi, dato che i vini imbottigliati sono in crescita “solo” del 6% (quindi in leggero calo se tradotti in euro). Ne deriva un saldo di tutto il resto (quindi sfusi e qualche spumante) di 179 milioni di euro contro 145 milioni di euro dell’anno scorso. Il tutto si spiega con un balzo prodigioso da niente a 29 milioni di euro di esportazioni in Argentina, che non ho incluso “apposta” nella tabella in quanto si confronta con uno 0 dell’anno precedente.
  • Parlando invece dei dati più importanti, potete apprezzare il balzo della Cina, che diventa il principale mercato per i cileni con 129 milioni di euro esportati nel primo semestre 2017, +28%. Di questi 104 milioni sono vino in bottiglia, +36%.
  • Il secondo mercato sono gli USA che “resistono” a 111 milioni di euro, +3%, anche se peggiora il mix delle vendite, con i prodotti in bottiglia in calo dell’1% da 80 a 79 milioni di euro.
  • Il terzo mercato nel semestre diventa il Giappone, +6% a 89 milioni di euro, interamente spiegato dalla crescita delle esportazioni di vino sfuso, dato che il prodotto in bottiglia è stabile a 67 milioni di euro.
  • Il mercato in forte calo è quello inglese. Il Cile perde il 15% di export nel primo semestre, da 84 a 72 milioni di euro, interamente derivante dalla riduzione della parte più nobile di prodotto, quella in bottiglia, che perde proprio quei 12 milioni che mancano al saldo, scendendo a 54 milioni di euro.
  • Nel resto della tabella trovate più segni meno che segni positivi, con una eccezione, oltre alla citata Argentina. Il Brasile, dove il prodotto cileno mette a segno un ulteriore balzo, da 43 a 54 milioni, +27%.
Se siete arrivati fin qui…
…ho un piccolo favore da chiedervi. Sempre più persone leggono “I Numeri del Vino”, che pubblica da oltre dieci anni tre analisi ogni settimana sul mondo del vino senza limitazioni o abbonamenti. La pubblicità e le sponsorizzazioni servono per aiutare una missione laica in Perù. Per fare in modo che questo lavoro continui e resti integralmente accessibile, ti chiedo un piccolo aiuto, semplicemente prestando da dovuta attenzione con una visita alle inserzioni e alle sponsorizzazioni presenti nella testata e nella sezione laterale del blog. Grazie. Marco
Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>