Argentina – esportazioni di vino – aggiornamento 2016

nessun commento
Print Friendly, PDF & Email

Le esportazioni di vino argentino sono rimaste stabili nel 2016 in euro intorno a 738 milioni, che sarebbe poi il livello più elevato di sempre. Questo “record” si compone in realtà di due trend opposti: il calo dell’export di vino sfuso, ormai soltanto l’8% delle esportazioni, rimpiazzato da esportazioni di vino in bottiglia, che invece crescono del 2% anche nel 2016, e mantengono un andamento saldamente positivo nel corso degli ultimi anni (+5%). Anche se la crescita degli anni scorsi è ormai un ricordo, il vino argentino resiste nel mercato americano e cresce nel mercato inglese, perdendo invece terreno in Canada e Brazile, che comunque rivestono un ruolo marginale quando si guarda ai numeri. Il peso argentino è letteralmente crollato nel 2016, passando da 9.2 a 14.75 contro il dollaro. Questo determina un incremento degli incassi in valuta locale in crescita del 60% (rispetto alla stabilità che vediamo nei dati in euro), ma questo va di pari passo con i forti trend inflazionistici nei costi di produzione. Passiamo ai dati.

  • Le esportazioni di vino 2016 dell’Argentina sono stabili a 738 milioni di euro, con un incremento del 2% delle esportazioni di vino imbottigliato a 667 milioni di euro, un calo del vino sfuso del 14% a 57 milioni e del 15% delle altre categorie.
  • In termini di volumi i dati sono leggermente più negativi: le esportazioni sono scese del 4% a 2.6 milioni di ettolitri, e sono decisamente lontane dal record storico di 3.7 milioni di ettolitri del 2012, che però non generò lo stesso valore in euro. Infatti, di questi 2.6 milioni, ben 2 sono di vino imbottigliato, lo stesso volume del 2012, mentre i vini sfusi sono passati da 1.7 milioni di ettolitri a meno di 600mila.
  • Il mercato principale resta quello americano, che nel 2016 cala del 2% circa a 264 milioni di euro. L’Argentina sta invece guadagnando terreno nel mercato inglese, che cresce nel 2016 del 6% a 81 milioni di euro, mentre il mercato canadese cala del 10%.
  • Sono da notare i forti incrementi registrati in Messico, che potrebbe diventare un mercato interessante nel futuro per il settore e del mercato cinese. In entrambi i casi stiamo però parlando di 60-70mila ettolitri e 20-25 milioni di euro di export, quindi valori ancora marginali.
  • I dati della categoria “importante”, cioè il vino in bottiglia, mostra che l’andamento in USA è meno negativo di quello che si possa immaginare, in quanto il calo è concentrato nei vini sfusi (-33% a 18 milioni di euro), mentre il vino in bottiglia cresce dell’1%. Lo stesso vale per il mercato inglese: i vini in bottiglia crescono del 9%, il vino sfuso cala del 4% per arrivare a un saldo positivo del 6%.
Se siete arrivati fin qui…
…ho un piccolo favore da chiedervi. Sempre più persone leggono “I Numeri del Vino”, che pubblica da oltre dieci anni tre analisi ogni settimana sul mondo del vino senza limitazioni o abbonamenti. La pubblicità e le sponsorizzazioni servono per aiutare una missione laica in Perù. Per fare in modo che questo lavoro continui e resti integralmente accessibile, ti chiedo un piccolo aiuto, semplicemente prestando da dovuta attenzione con una visita alle inserzioni e alle sponsorizzazioni presenti nella testata e nella sezione laterale del blog. Grazie. Marco

 

Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>