Francia – esportazioni di vino – primo semestre 2017

nessun commento
Print Friendly, PDF & Email

 

Le esportazioni di vino francese sono ripartite prepotentemente nel corso del primo semestre 2017. Secondo i dati rilasciati dall’ufficio statistico Disar, la Francia ha esportato vino per quasi 4.1 miliardi di euro, +11% sulla prima metà del 2016 che era stata stabile. A trainare l’export francese un ritrovato vigore delle esportazioni di Bordeaux dopo tre anni molto difficili e un inizio d’anno inaspettatamente forte per lo Champagne, in crescita del 12%. Come abbiamo già avuto modo di dire in passato, il resto del vino francese segue molto da vicino la tendenza dell’Italia (+5.4% nei primi 5 mesi dell’anno, lunedì pubblicheremo i primi 6 mesi) con una crescita del 7%. Di nuovo, come già successo negli ultimi tre anni, tutto il contributo alla crescita viene dal prezzo/mix. Tra i principali mercati tracciati da Disar, gli USA (+22%) sono stati il driver principale, avendo rappresentato circa un terzo della crescita.

  • Le esportazioni di vino francese crescono dell’11% a 4092 milioni nel primo semestre 2017. I volumi sono invece stabili a 6.7 milioni di ettolitri. La crescita è dunque interamente determinata dal miglioramento del prezzo/mix, ben visibile nella tabella quando si confrontano i dati di volume delle categorie “care” come Champagne e Bordeaux e il resto dei vini. La Francia nel primo semestre esporta vino a 605 euro a ettolitro, contro 266 euro per il mercato italiano.
  • La classica divisione per categorie vede un forte rimbalzo della regione di Bordeaux, +21% a 985 milioni di euro, con un contributo del 4% dei volumi (952mila ettolitri) e del 16% del prezzo mix, che ritorna sopra i 1000 euro per ettolitro. Anche l’altra regione chiave per le esportazioni di vini rossi, la Borgogna, mostra buoni numeri, +9% a 396 milioni, soprattutto perché “monta” su due anni di crescita e perché il dato si confronta con un calo dei volumi del 5%. I vini di Borgogna si vendono addirittura a 1550 euro per ettolitro nel primo semstre 2017.
  • La sorpresa resta lo Champagne, in crescita del 12% a 1144 milioni di euro, nonostante le difficoltà nel suo principale mercato, il Regno Unito. In questo caso l’impatto dei volumi è più rilevante, +8% a 431mila ettolitri, mentre il prezzo-mix progredisce del 3.5% a 2651 euro per ettolitro.
  • La “differenza”, cioè Rodano, Loira, Alsazia e tutte le altre regioni crescono del 4.7% a 1.6 miliardi di euro, con un contributo del 5.5% del prezzo-mix e un leggero calo dei volumi a 5.1 milioni di ettolitri.
  • Disar non è così generoso sulle aree geografica (la Cina per esempio non viene riportata…). Ci sono però i principali mercati. Gli USA crescono del 22% a 768 milioni di euro, il Regno Unito è a +3% per 501 milioni di euro, mentre cala del 2% la Germania (307 milioni) e dell’1% il Belgio (220 milioni). Più positivi sono invece i dati del Giappone (+8% a 217 milioni) e del resto del mondo, +13% a 2.1 miliardi di euro.
Se siete arrivati fin qui…
…ho un piccolo favore da chiedervi. Sempre più persone leggono “I Numeri del Vino”, che pubblica da oltre dieci anni tre analisi ogni settimana sul mondo del vino senza limitazioni o abbonamenti. La pubblicità e le sponsorizzazioni servono per aiutare una missione laica in Perù. Per fare in modo che questo lavoro continui e resti integralmente accessibile, ti chiedo un piccolo aiuto, semplicemente prestando da dovuta attenzione con una visita alle inserzioni e alle sponsorizzazioni presenti nella testata e nella sezione laterale del blog. Grazie. Marco
Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>