Canada – consumo e mercato del vino, dati 2015/16

nessun commento
Print Friendly, PDF & Email

La crescita del mercato del vino canadese non si interrompe neppure nel 2015/16 (leggi: aprile 2015-marzo 2016), nonostante la svalutazione del cambio e il prezzo del petrolio che non si riprende, due fattori piuttosto importanti nel paese. Per i canadesi il vino rappresenta circa il 32% della spesa totale per le bevande alcoliche, con una penetrazione crescente negli anni che sembra peraltro stabilizzarsi. La spesa in vino è poco sotto 7 miliardi di dollari canadesi (4.6-4.7 miliardi di euro), in crescita del 4%, con un volume cresciuto del 3.3% a 496 milioni di litri (dunque 4.96 milioni di ettolitri). I trend che leggerete nel resto del post sono i soliti: vini spumanti in crescita importante, seguiti dai vini bianchi, mentre i vini rossi hanno un andamento inferiore a quello del mercato. Salvo che per i vini rossi, nel caso degli spumanti e dei vini bianchi la quota di mercato dei vini importati tende a crescere. Per chi è interessato mettiamo qualche dettaglio nel resto del post.


  • Il mercato canadese del vino sfiora quota 5 milioni di ettolitri nel 2015/16, con una crescita del 3.3%. In termini di valore, stiamo parlando di 6.97 miliardi di dollari canadesi, quindi al cambio attuale circa 4.65 miliardi di euro.
  • La torta del consumo la vedete sotto. I canadesi restano molto legati al vino rosso, che copre il 54% del valore ma che sono anche la categoria con la crescita inferiore (se escludiamo i fortificati e gli altri prodotti tipo aromatizzati). Il vino rosso nel 2015/16 cresce de 3.3% a 3.8 miliardi di dollari, con un volume di 259 milioni di litri, +1.4%. Entrambi i tassi di crescita sono analoghi a quanto osservato negli ultimi 5 anni.
  • Gli spumanti sono chiaramente i prodotti in crescita più forte. Nel 2015/16 sono a +8% a 363 milioni (quindi sono un decimo dei vini rossi), per un volume di 17 milioni di litri.
  • Anche i vini bianchi stanno guadagnando peso nel mercato, con un +6% nel 2015/16 a 2.2 miliardi di dollari, anche in questo caso un dato molto allineato alla media dei 5 anni. Come per le altre categorie, la crescita dei volumi (+5%) è leggermente inferiore a segnalare un costante miglioramento del prezzo-mix nel mercato (in parte anche guidato dal recente calo del dollaro canadese).
  • Altri due analisi sono qui aggiornate. Primo, il peso del vino nel mercato canadese delle bevande alcoliche. Siamo al 31.6%, in leggera crescita rispetto al 2014/15. Il grafico vi mostra chiaramente come siamo in una fase di “stabilizzazione” dove il vino fa più fatica di prima a guadagnare spazio.
  • La seconda analisi riguarda il bilanciamento tra vini locali e vini importati. Anche in questo caso, i canadesi sembrano prediligere in modo crescente i prodotti esteri, fatta eccezione per i vini rossi, dove però i prodotti locali sono soltanto il 25% del mercato (contro il 40% circa dei vini bianchi).
Se siete arrivati fin qui…
…ho un piccolo favore da chiedervi. Sempre più persone leggono “I Numeri del Vino”, che pubblica da oltre dieci anni tre analisi ogni settimana sul mondo del vino senza limitazioni o abbonamenti. La pubblicità e le sponsorizzazioni servono per aiutare una missione laica in Perù. Per fare in modo che questo lavoro continui e resti integralmente accessibile, ti chiedo un piccolo aiuto, semplicemente prestando da dovuta attenzione con una visita alle inserzioni e alle sponsorizzazioni presenti nella testata e nella sezione laterale del blog. Grazie. Marco

 

Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>