La classifica dei grandi marchi di vino nel mondo Liv-Ex – aggiornamento 2016

nessun commento
Print Friendly, PDF & Email
livex-2016-4

“Quando il gatto non c’è, i topi ballano”… ma ora il gatto è tornato. Potrebbe essere questo il proverbio che si addice a descrivere l’andamento della classifica Livex appena compilato, che come vi ricordo rappresenta un ranking dei marchi di vini di alta qualità in base al loro valore, all’andamento della loro quotazione e anche al volume di scambi generato presso la piattaforma Livex. Il gatto sono i vini francesi, e quelli di Bordeaux in particolare, mentre i topi sono i vini del resto del mondo, italiani e tutti gli altri. E’ vero come qualcuno dice che nove di questi cento vini sono italiani contro i sette dello scorso anno, ma è anche vero che il primo italiano del 2016 è il numero 47, Gaja, mentre lo scorso anno avevamo il Sassicaia al numero 27 e il Tignanello al numero 45 e l’anno prima ancora avevamo tre vini nei primi 20 del ranking. Il risultato non è un demerito per i nostri vini, la cui quotazione media è cresciuta comunque del 10%, ma del forte rimbalzo delle quotazioni dei vini di Bordeaux, +17%, che chiaramente per volumi battono tutti. Quali sono dunque i primi vini del mondo nel 2016? Lafite Rothschild, Mouton Rothschild e Margaux. Dei primi 20 vini, 18 sono di Bordeaux e solo due sono di Borgogna. Il primo non francese è al n.33 ed è Opus One. Oltre ai 9 italiani, solo altri sei vini sono extra Francia. Dominio assoluto. Andiamo a leggere qualche numero insieme (alla fine trovate la classifica completa).

livex-2016-2
  • I primi vini in classifica li avete visti. I prezzi dei primi tre classificati di cui sopra sono cresciuti del 25% circa, sopra la media del 14% circa del campione, con 40-50 tipologie trattate (qui si tratta di annate), contro la media del resto del campione di 20 referenze.
  • Passando ai vini italiani, il primo in classifica è il numero 47, Gaja, con un prezzo per cassa di 1126 sterline, una crescita del 3% delle quotazioni e 31 vini trattati. Masseto viene al 51esimo posto, 4619 euro per cassa, +4% e 13 referenze trattate. Terzo, in forte calo rispetto agli scorsi anni, Sassicaia, 55esimo con 481 sterline per cassa, +6% e 20 referenze trattate. Da questi numeri potete già valutare come il prezzo dei vini italiani sia cresciuto meno della media (10% contro 14%). A “battere” la media, Giacomo Conterno, +24%, 2400 sterline per cassa (ma solo 7 referenze trattate) e al 91esimo posto Petrolo, +21% con 257 sterline per cassa.
  • Come dicevamo i vini francesi dominano. Il primo vini di Borgogna resta DRC, 18141 sterline per cassa, ben 75 referenze trattate, +27%. Si classifica al sesto posto, unico non Bordeaux dei primi 10. Champagne: trentesimo Moet & Chandon, 1066 sterline per cassa, +9%, 29 referenze trattate. Rodano: primo in classifica Guigal, 31esimo, 1721 sterline per cassa, +4%, 49 referenze trattate.
  • Fuori dalla Francia e dall’Italia, due vini americani, Opus One (33esimo) e Screeaming Eagle (69esimo), uno spagnolo Vega Sicilia (34esimo) e tre australiani: Penfolds (38esimo), Henschke (79) e Dominus (89)
Se siete arrivati fin qui…
…ho un piccolo favore da chiedervi. Sempre più persone leggono “I Numeri del Vino”, che pubblica da oltre dieci anni tre analisi ogni settimana sul settore senza limitazioni o abbonamenti. La pubblicità e le sponsorizzazioni servono per aiutare una missione laica in Perù. Per fare in modo che questo lavoro continui e resti integralmente accessibile, ti chiedo un piccolo aiuto, semplicemente di prestare la dovuta attenzione con una visita alle inserzioni e alle sponsorizzazioni presenti nella testata e nella sezione laterale del blog. Grazie. Marco Baccaglio
livex-2016-3
livex-2016-0 livex-2016-1
Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>