Conegliano Valdobbiadene DOCG Prosecco Superiore – vendite e esportazioni 2015

nessun commento
Print Friendly, PDF & Email


valdobbiadene-2015-5

Il rapporto su Conegliano Valdobbiadene è stato puntualmente presentato a metà dicembre e come sempre è ricco di dettagli. Per il terzo anno consecutivo la crescita del prodotto spumante DOCG, la punta di diamante del fenomeno del Prosecco, viene realizzata soprattutto in Italia, dove volumi e valore crescono nel 2015 del 12% e del 15% rispettivamente, rispetto a un ben più magro +1% e +7% realizzato nei nuovi mercati. L’Italia dunque rappresenta il 57% del valore della produzione del Conegliano Valdobbiadene spumante, 446 milioni di euro nel 2016 (+10%) per 78 milioni di bottiglie commercializzate (+7%), che a sua volta è il 93% del valore della produzione della zona vinicola. E questo 57% cresce rispetto al 2014 (55%) e al 2013 (53%) mettendo in luce un fatto che diventa sempre più evidente: i prodotti di alta qualità nel segmento degli spumanti fanno fatica a sfondare all’estero, dove il segmento è molto ben coperto dai prodotti francesi e, in parte, spagnoli. Qual è il problema “estero” del Conegliano Valdobbiadene? Beh, certamente di essere molto legato ai mercati di lingua tedesca rispetto a quelli di lingua inglese, che come ben sapete leggendo le pagine sulle esportazioni, sono il vero traino dell’incremento dell’export di vino spumante italiano. Passiamo a leggere qualche numero insieme.


valdobbiadene-2015-1

  • Posto che i grandi numeri li abbiamo visti, possiamo analizzare brevemente le vendite per mercato. In Italia, la crescita più forte viene dal canale Ho.Re.Ca. ed enoteche, +14%, e dagli altri canali (grossisti), +17%, mentre la GDO cresce dell’11% e, secondo il rapporto, le vendite dirette sono in calo del 17%. Se dai volumi ci spostiamo ai valori le conclusioni non cambiano in modo importante: GDO +8%, Ho.Re.Ca. +22%, Grossisti +27%. Di internet poco, 0.4 milioni di euro secondo il rapporto.
  • Passando all’estero come dicevamo il problema del DOCG è la dipendenza da Germania, Svizzera e Austria che insieme cubano quasi 15 milioni di bottiglie (in calo) sulle 32 esportate e 71 milioni di euro di export (questo in leggera crescita da 69 del 2014) del totale esportato di 157 milioni (+7% abbiamo detto).
  • I mercati in forte crescita per gli spumanti italiani lo sono anche per il Conegliano Valdobbiadene, certo. Però il Regno Unito, +21% viaggia sui 30 milioni di euro ed è ancora sotto alla Germania, con 5.9 milioni di bottiglie (+8%). Gli USA, crescono a volume dell’8% a 2.8 milioni di bottiglie ma sono soltanto 13 milioni di vendite (+9%).
  • Restano marginali mercati potenzialmente importanti come Canada e Scandinavia, scende la Russia e non si può non notare che le vendite in Cina/HK sono calate (anche se i numeri sono piccolissimi) e sono meno di 1 milone di euro.
  • Quindi per ricapitolare: grande successo del prodotto ma se nel periodo 2008-2012 lo sviluppo è venuto soprattutto dall’estero, a partire dal 2013 la parte del leone la fa l’Italia, che come abbiamo detto rappresenta ancora quasi il 58% delle vendite a valore e il 59% delle vendite a volume del DOCG di Valdobbiadene.
Se siete arrivati fin qui…
…ho un piccolo favore da chiedervi. Sempre più persone leggono “I Numeri del Vino”, che pubblica da oltre dieci anni tre analisi ogni settimana sul mondo del vino senza limitazioni o abbonamenti. La pubblicità e le sponsorizzazioni servono per aiutare una missione laica in Perù. Per fare in modo che questo lavoro continui e resti integralmente accessibile, ti chiedo un piccolo aiuto, semplicemente prestando da dovuta attenzione con una visita alle inserzioni e alle sponsorizzazioni presenti nella testata e nella sezione laterale del blog. Grazie. Marco Baccaglio

valdobbiadene-2015-2 valdobbiadene-2015-tab1valdobbiadene-2015-tab2 valdobbiadene-2015-4

valdobbiadene-2015-3

Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>