Argentina – esportazioni di vino 2015

nessun commento
Print Friendly, PDF & Email
argentina export 2015 3

L’Argentina del vino esportato sta vivendo un periodo molto particolare, caratterizzato da una forte svalutazione della moneta alla quale corrisponde un livello di inflazione galoppante. I dati del 2015 che commentiamo oggi sono dunque molto diversi se visti in Euro, +16%, in dollari, -3% o in Peso argentini, +10%. Quello che certamente succederà il prossimo anno è che gli introiti in peso esploderanno per via della ulteriore svalutazione della valuta, circa il 55% la media a oggi contro il livello del 2015. Questo del tasso di inflazione è dunque un aspetto importante: il peso si è svalutato in media del 20% all’anno contro il dollaro e questo chiaramente rende il prodotto argentino molto più competitivo sui mercati internazionali. Fatto il lungo ma dovuto preambolo, immergiamoci ora nei dati, che vedono un 2015 in ripresa del 16% delle esportazioni denominate in euro, a 736 milioni di euro. Ciò pone l’Argentina al decimo posto nella graduatoria mondiale degli esportatori di vino, quando invece ricopre il quinto posto tra i produttori. In effetti, con una produzione media di 14 milioni di ettolitri di vino annui e un export medio di 3 milioni, la quota di prodotto che esce dai confini è di poco superiore al 20%. Questo significa diverse cose: che gli argentini bevono tanto vino (vero, 25 litri pro capite annui) e nello stesso tempo non si possono permettere i vini internazionali vista la svalutazione del peso, ma anche che il potenziale del prodotto argentino magari non si è ancora espresso appieno, soprattutto fuori dal mercato americano. Andiamo ai numeri.


argentina export 2015 4
  • Le esportazioni 2015 sono state 736 milioni di euro, con un incremento del 16% rispetto al 2014. Visti in Peso i dati sono un po’ meno positivi, +10% a 7.5 miliardi, ma nel 2016 le cose certamente cambieranno vista la forte svalutazione della valuta.
  • Il principale mercato sono gli USA, che balzano del 17%, grazie alla rivalutazione del dollaro, a 270 milioni di euro e rappresentano con il 37% del totale di gran lunga il mercato più importante. Il prodotto argentino resta peraltro un vino “anglosassone”, visto che il secondo e il terzo mercato con il 10% ciascuno circa sono Regno Unito e Canada. Se vista su 5 anni, la crescita del prodotto argentino, che ricordo essere guidata dal Malbec e dal Torrontes, è del 7% annuo nel mercato USA, del 17% nel mercato inglese mentre il prodotto è stabile in Canada.
  • Fuori questi tre mercati, troviamo qualche mercato di prossimità come il Brasile e per certi versi il Messico, la Cina e la Germania in forte crescita da livelli molto contenuti e poco altro.
  • In termini di volume, le esportazioni sono invece stabili rispetto al 2014 a 2.7 milioni di ettolitri. Le differenze nel ranking sono poco significative rispetto ai commenti che abbiamo fatto in precedenza. Vi lascio dunque alle tabelle.

argentina export 2015 1argentina export 2015 2argentina export 2015 5

Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>