Schloss-Wachenheim – risultati 2014/15

nessun commento
Print Friendly, PDF & Email
ssw 2015 3

Oggi analizziamo i risultati 2014/15 di uno dei giganti della produzione di vini spumanti tedesco, Schloss-Wachenheim, quotato presso la borsa di Francoforte con una capitalizzazione di mercato di circa 125 milioni di euro (e un andamento positivo del 25% circa nel corso del 2015). I numeri non sono stati così buoni a livello economico, con un calo del fatturato del 6% e del 20% dell’utile netto, ma dalla parte finanziaria l’azienda è riuscita con il contenimento degli investimenti e il calo del capitale circolante a ridurre il debito in modo vistoso. Da questo calo (pari a oltre il 20% della quotazione borsistica) potrebbe essere venuta la spinta ai corsi di borsa. Andiamo ad analizzare i numeri insieme.

ssw 2015 2
  • Le vendite si sono attestate a circa 290 milioni di euro, -6%, con un calo vistoso in Germania -12% (100 milioni), dove SSW subisce la concorrenza degli aperitivi Spritz e Hugo e dove l’andamento dei prezzi non è stato favorevole. Infatti i volumi sono calati soltanto del 3%. Anche la Francia, secondo mercato, non è stato particolarmente positivo a livello commerciale, con un volume di bottiglie venduto in calo del 5% a 70 milioni di bottiglie e un fatturato sceso dell’8% a 98 milioni di euro. L’unica area dove il fatturato non scende è quella dell’Est Europeo dove le vendite sono state 95 milioni di euro.
  • A livello operativo l’andamento è stato meno negativo, con un MOL praticamente stabile e un utile operativo calato soltanto del 4% a 21 milioni di euro. In particolare, il calo dei margini è stato vistoso soprattutto in Germania, dove il la profittabilità è scesa ai livelli di 5 anni fa, circa il 3%, mentre i margini in Francia sono saliti al massimo storico del 9%. In Est Europa i margini restano buoni (circa 7%), anche se i livelli record degli anni scorsi sono lontani. L’utile netto subisce un vistoso calo a 10 milioni di euro, dovuto essenzialmente all’incremento dell’imposizione fiscale.
  • Dove il miglioramento è stato vistoso è invece sulla parte finanziaria. Grazie alla generazione di cassa costante (oltre 20 milioni di euro), a un livello di investimenti molto contenuto (5 milioni rispetto a una media storica di circa 8-10 milioni) e al calo del capitale circolante, l’indebitamento netto scende da 68 milioni a 44 milioni di euro, che corrisponde a una leva molto contenuta di 1.5x rispetto al MOL, praticamente dimezzata nel giro degli ultimi due anni.
ssw 2015 1
ssw 2015 4
ssw 2015 5
Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>