Emilia Romagna – produzione e valore vini DOC 2013

nessun commento
Print Friendly, PDF & Email
emiliaromagna 2013 federdoc 0

 

Proseguiamo il viaggio estivo nei dati regionali Federdoc con l’Emilia Romagna, che secondo i dati ISTAT ha prodotto 1.5 milioni di ettolitri di vini DOC nel 2013. Federdoc ne ha rilevati nel suo report 1.2 milioni di ettolitri. Essendo i dati piuttosto completi, devo immaginare che il dato ISTAT sia stato un po’ sovrastimato. Visto che quest’anno proviamo anche a “valorizzare” la produzione, bisogna dire che i prezzi unitari dei vini della regione sono inferiori alla media dei vini DOC nazionali. Dei 7-8 vini di cui ci sono i prezzi unitari calcoliamo un prezzo medio 2014 di circa 74 euro per ettolitri, poco più della metà rispetto alla media italiana di 130 euro per ettolitro. Per questo motivo siamo un po’ restii ad applicare la media nazionale dove non troviamo riscontro. Ne deriva comunque un quadro piuttosto completo, dato che tutte le DOC (salvo Modena) sopra i 100 mila ettolitri hanno prezzi rilevati da ISMEA. Passiamo ai dati.


emiliaromagna 2013 federdoc 1

 

  • La principale DOC resta Romagna, che però secondo Federdoc è stata prodotta soltanto in 183mila ettolitri, il 40% in meno del 2012. Il dato sembra corretto, dato che è anche supportato da una riduzione degli ettari denunciati a 2837, il 37% in meno del 2012. La valorizzazione a prezzi medi 2014 è di circa 10 milioni di euro contro 17 dell’anno precedente, il che mette la DOC al quarto posto per valore contro il primo per volume.
  • Le altre DOC importanti sono i Lambruschi, che sono stati prodotti in 411mila ettolitri nel 2013, leggermente meno del 2012. Godendo di uno scenario di prezzi stabile, calcoliamo che il valore della produzione è leggermente superiore a 31 milioni. Scendendo nel particolare, il Salamino di Santa Croce è quello con il valore superiore, 12 milioni per 172mila ettolitri, in calo però dell’8% rispetto allo scorso anno. Il Lambrusco di Sorbara è invece stabile a 130mila ettolitri circa, per un valore di 11 milioni, mentre cresce leggermente il Grasparossa di Castelvetro a 109mila ettolitri per un valore di 8.3 milioni di euro. La tendenza di lungo termine del Lambrusco resta tutto sommato positiva: se tiriamo le tendenze di lungo termine troviamo una crescita media annua di 4-5mila ettolitri, più evidente per il Lambrusco Salamino di Santa Croce. (vedere grafico)
  • Ha avuto un andamento in crescita la DOC Reggiano, +10% nel 2013, anche se la denominazione viene da anni di declino.
  • Passando infine all’area del piacentino, Colli Piacentini riguadagna quota 100mila ettolitri. Se gli sommiamo Ortrugo e Gutturnio arriviamo sui 220mila ettolitri, circa il 10% più del 2012, ma all’interno di una tendenza di lungo termine che sembra essere discendente (5mila ettolitri persi all’anno sulla linea di regressione).
  • Non abbiamo parlato delle superfici denunciate. Federdoc rileva 14452 ettari, il 17% in meno del 2012. Scorrendo la tabella non ci sono particolari mancanze (anzi, si è riaggiunta la superficie di Albana di Romagna). Sono dati molto difficile da interpretare. Ci sono 1000 ettari in più nel piacentino, quasi 2000 in meno nella DOC Romagna: chiaramente sono dati non sovrapponibili. Come sempre metto la tabella, resta a voi del luogo che “sapete” interpretarla nel modo corretto (e magari aiutarci a capirla commentando).
emiliaromagna 2013 federdoc 05
emiliaromagna 2013 federdoc 2
emiliaromagna 2013 federdoc 3
Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>