Cantina di Castelnuovo del Garda – risultati 2013/14

nessun commento
Print Friendly, PDF & Email
castelnuovo 2014 1

 

Il bilancio 2013/14 della Cantina di Castelnuovo del Garda merita di essere attentamente analizzato. La cooperativa deve far fronte a un pesante calo dei volumi trattati, dovuto da un lato alla scarsità della vendemmia 2012 e dall’altro alle decisioni di alcuni soci di interrompere la relazione con la cooperativa e affittare i vigneti a terzi. Il calo dei volumi apportati dai soci è materiale, -15%. Questo, insieme al generalo calo delle quotazioni delle uve ha determinato una significativa contrazione del prezzo che la cooperativa ha potuto garantire, 30 euro per quintale, quindi il 30% in meno dell’anno scorso. La sfida vera sembra però essere quella del 2014-15, quando oltre alla scarsa vendemmia, il management della cooperativa dovrà affrontare un vero e proprio crollo delle uve conferite, passate da 130mila quintali a 77mila quintali dalla vendemmia 2013 alla vendemmia 2014, anche a causa dell’impatto negativo di ben quattro grandinate. Certamente, la focalizzazione sui vini in bottiglia e sull’estero, entrambe in crescita, potrà essere mantenuta, ma l’equilibrio economico della cooperativa, che deve comunque ammortizzare e sostenere strutture atte a vinificare volumi ben superiori potrebbe impattare ulteriormente sulla capacità di remunerare i soci conferitori. Il rischio è di alimentare un circolo vizioso di minori volumi e minore remunerazione… ma questo lo vedremo il prossimo anno, quando la Cantina anticipa una ripresa parziale dei volumi che dovrebbero tornare a 110-120mila quintali. Per ora parliamo dei dati di questo bilancio, dove potete apprezzare tra i vari grafici la crescente quota di vini in bottiglia, che raggiungono il 47% delle vendite, e dell’estero, anch’esso al suo massimo storico, il 23% del fattturato.


castelnuovo 2014 2

 

  • Il fatturato scende del 3.4% a 13.8 milioni di euro, che si compone di un calo dell’8% in Italia e un incremento del 14% all’estero, rispettivamente a 10.3 e 3.5 milioni di euro.
  • I volumi venduti sono stati 118mila ettolitri, in calo dell’8%, proseguendo un trend negativo che continua dal 2009: i volumi commercializzati sono scesi dal picco di quell’anno del 38%. Il calo è del 6% per il vino imbottigliato e dell’8% per i vini sfusi.
  • In realtà a valore le vendite di vino imbottigliato sono cresciute del 2% a 6.4 milioni (con un incremento del 10% del prezzo di vendita), mentre sono calate del 12% le vendite di vino sfuso, dato che alla riduzione dei volumi si è aggiunto un calo del 4% del prezzo medio di vendita (pari a circa un terzo rispetto al vino imbottigliato.
  • L’equilibrio economico-finanziario si è mantenuto. La remunerazione dei soci è calata del 30% in termini unitari, a fronte di una riduzione delle quantità remunerate del 15% (130mila ettolitri contro 154mila).
  • Dal punto di vista finanziario la Cantina mantiene un debito di poco inferiore ai 6 milioni di euro, in leggero incremento rispetto al 2013 a causa principalmente del capitale circolante. Infatti, a fronte del calo del magazzino pari a oltre 1 milione di euro, sono anche in forte calo i debiti verso i soci conferitori e fornitori, una fonte di finanziamento indiretta (ma importante) della cantina.

 

castelnuovo 2014 3
castelnuovo 2014 5
castelnuovo 2014 6
castelnuovo 2014 4
Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>