Le esportazioni di vino nel mondo – aggiornamento primo semestre 2014

nessun commento
Print Friendly, PDF & Email
export mondo 2014 h1 0

 

E’ decisamente ora di fare il punto della situazione sulle esportazioni, che per il primo semestre 2014 sono leggermente scese (-3%) quando guardiamo i dati dei 7 principali paesi esportatori che abbiamo raccolto e tradotto in Euro. Il numero preciso è 9.1 miliardi di euro contro 9.3, per Francia, Italia, Spagna, Cile, Australia, USA e Argentina. Il campione, giusto per essere preciso con i lettori del blog, è leggermente più ristretto di quello dei dati annuali, quando invece aggiungiamo anche Nuova Zelanda, Sud Africa e talvolta la Germania. Quali sono le novità che trovate in questo post? Due, e un po’ le sapevamo: primo, che l’Italia fa meglio del resto dei paesi. La quota di mercato su questo campione di 7 è salita al 26%, credo il massimo storico. Ovviamente l’obiettivo è raggiunto “resistendo” (+1%) piuttosto che crescendo, ma questo è. L’Italia è un paese che esporta in mercati tradizionali, non “nuovi”, forse ad eccezione della Russia. E proprio questi “nuovi” mercati stanno dando dei grattacapi ai nostri cugini francesi, tra politiche “anti corruzione” e rapporti di cambio impazziti. Secondo, che per la prima volta nella storia (credo) l’Italia esporta più valore che volume, cioè la sua quota parte di valore è superiore a quella del volume. Un misero 0.1% ma di nuovo, è una svolta epocale, che sta gradualmente riportando il nostro paese dove deve e dove può stare: tra quelli che esportano vino di qualità. Andiamo a vedere insieme i dati.

export mondo 2014 h1 1

 

  • I 2.37 miliardi di euro esportati dall’Italia sono in marginale crescita (+1%), rispetto al calo del 6% delle esportazioni francesi che comunque restano a 3.4 miliardi di euro, quindi oltre 1 miliardo sopra di noi.
  • Nell’ambito di quel -3% globale, la Spagna si mantiene allineata con un -2% a 1.16 miliardi (ma come vedete dalle tabelle con una pesante riduzione del prezzo medio di export per “far fuori” l’eccessiva produzione 2013), il Cile viene colpito dal cambio in forte peggioramento e dalle difficoltà in Cina, l’Australia è stabile, gli USA crescono nonostante il cambio debole, mentre l’Argentina subisce un calo in Euro a causa della pesantissima svalutazione del cambio.
  • I volumi di questi 7 mercati sono invece in leggero incremento a circa 38 milioni di ettolitri, il 4% sopra i 36.4 dello scorso anno. Sotto questo punto di vista l’Italia perde colpi, come conseguenza delle vendemmie strutturalmente decrescenti. Nel 2014 primo semestre, come dicevamo siamo al 26% dei volumi di questi 7 paesi, per la prima volta con una quota più bassa che quella del valore. Come a dire che il prezzo medio di export Italiano è finalmente superiore alla media di questi paesi.
  • Proprio il prezzo medio è quello che vedete nell’ultimo grafico. La Francia perde 30 centesimi a 4.9 euro, causa il calo del Bordeaux che abbiamo visto qualche settimana fa. Gli USA sono colpiti dal cambio debole (giusto per ricordarvelo, da 1.31 a 1.37).
  • Ora che il quadro è completo converrà concentrarsi sui prossimi mesi: il dollaro è balzato a 1.25 contro l’Euro e questo ha delle implicazioni importanti per il nostro export, che beneficerà nel terzo trimestre di un confronto equo (cambio medio uguale), ma nel quarto trimestre ci sarà un importante supporto…
export mondo 2014 h1 2
export mondo 2014 h1 3
Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>