Sud Africa – produzione di vino e superfici vitate, aggiornamento 2012

nessun commento
Print Friendly, PDF & Email
sud africa 2012 1

 

Torno oggi dopo diverso tempo sui numeri del vino in Sud Africa, che resta pur sempre una delle “potenze” del nuovo mondo con una superficie vitata di 100mila ettari, circa pari a quella della Germania. Il Sud Africa è un paese dove il vino si sta stabilizzando come superfici vitate, e sta gradualmente cambiando da una preponderanza di vini bianchi a un maggior bilanciamento della produzione. Le esportazioni rappresentano poco più del 50% del totale e nel corso del 2012 sono cresciute in modo sostanziale per compensare la produzione record registrata nel 2011.


sud africa 2012 2

 

  • L’andamento delle superfici vitate mostra un certo ripiegamento, con gli espianti che negli ultimi anni sono di circa 500 ettari annui superiori alle nuove piantagioni. Ne risulta che il potenziale produttivo del Sud Africa si è leggermente ridotto a partire dal 2007, quando si era raggiunto il picco di 102mila ettari, fino al livello del 2012 di esattamente 100mila ettari.
  • La base vitata resta principalmente per vini bianchi, al 55% degli ettari con Chenin Blanc e Colombard come principali vitigni (18%  e 12% del vigneto), ma da 5 anni a questa parte sta perdendo peso rispetto ai vini rossi, dove sia lo Shiraz che il Pinotage sono in netta crescita (oggi al 12% e 10% del vigneto).
  • La produzione di vino 2012 ha raggiunto gli 8.7 milioni di ettolitri, in calo del 6% se vista nei confronti dell’anno record del 2011, ma del 9% circa sopra la media del quinquennio. La produzione di vini rossi è stata del 4% circa sopra la media storica, quella dei vini bianchi dell’11% superiore, rispettivamente a 5.6 e 3.1 milioni di ettolitri.
  • La resa produttiva del 2011 e 2012 è stata a livelli record in Sud Africa, di 93 e 87 ettolitri per ettaro, contro un livello storico non superiore a 80.
  • Dal punto di vista dei mercati e della propensione all’export, come accade per altri paesi simili come il Cile, la produzione di vino viene principalmente esportata. La quota di export del 2012 è di 4.2 milioni di ettolitri, pari al 55% del totale se si sommano i consumi interni pari a circa 3.6 milioni di ettolitri.
  • Proprio nel 2012 le esportazioni hanno toccato il massimo storico a 4.2 milioni di ettolitri, riprendendo il livello record del 2008. Lo stesso può peraltro dirsi per i consumi interni, dove con una moderata crescita del 2-3% annuo dei volumi consumati si è tornati al livello pre crisi 2009.
  • Infine, un commento sulle scorte di vino, che sono anch’esse nel 2012 al massimo storico di 4.3 milioni di ettolitri. In realtà al 50% del volume prodotto, tale livello non desta particolari preoccupazioni, essendo i dati storici del 2006 su proporzioni ben superiori.
sud africa 2012 3
sud africa 2012 4
sud africa 2012 5
Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>