Le esportazioni di vino nel mondo – aggiornamento primo semestre 2013

nessun commento
Print Friendly, PDF & Email
exportmondo h113 0

 

Il primo grafico qui sopra dice gia’ molto di quanto e’ contenuto nel post di apertura della settimana, dove analizziamo valore e volume delle esportazioni di vino dei principali paesi del mondo: l’Italia in questi 6 mesi e’ stata l’esportatore con l’andamento migliore (+9%) tra i grandi paesi europei. Fuori dall’Europa e’ stata soltanto superata dagli USA, dove le esportazioni sono cresciute del 16% in Euro e del 20% in valuta locale. La Spagna cresce del 7% circa (secondo OEMV) e la Francia e’ rimasta stabile, in un quadro generale di moderata crescita del commercio estero del vino (circa +3% nel semestre). Andiamo nel dettaglio dei numeri.


 

exportmondo h113 1

 

  • Il valore cumulato delle esportazioni dei primi 7 paesi produttori del mondo (Francia, Italia, Spagna, Australia, Cile, USA e Argentina) raggiunge i 9.36 miliardi di euro, in crescita del 3% rispetto al primo semestre 2012. Si tratta di un rallentamento progressivo dopo due anni di forte recupero, in un contesto di rallentamento dei volumi.
  • Il volume esportato da questi paesi e’ infatti in calo del 5% a fronte della forte riduzione del potenziale produttivo in Europa, ma anche la riduzione delle esportazioni dell’Argentina. Nei primi 6 mesi, le esportazioni di questi 7 produttori sono calate da 38.5 a 36.6 milioni di ettolitri, quindi circa 2 milioni di ettolitri in meno. Di questi, circa 1.5 milioni sono relativi al calo delle esportazioni spagnole e italiane.
  • Come dicevamo all’inizio, l’Italia e gli USA sono i due paesi dove le esportazioni sono cresciute piu’ velocemente. Il leader indiscusso resta peraltro la Francia, con un export stabile nel semestre a 3.6 miliardi di euro per 7 milioni di ettolitri.
  • L’Italia cresce del 9% a valore a 2.33 miliardi e cala del 5% a volume scendendo sotto i 10 milioni di ettolitri. La leadership nei volumi ritorna cosi’ nel nostro paese, a fronte del forte calo registrato in Spagna, dove i volumi sono passati da 10.8 a 7.7 milioni di ettolitri.
  • Cio’ non ha pero’ significato un calo delle vendite di vino. Il forte riposizionamento del prodotto spagnolo, che ha perso l’”eccesso” produttivo, ha consentito un forte incremento del prezzo medio di esportazione, da 1.1 a 1.4 euro al litro. Di conseguenza la Spagna ha fatto crescere le esportazioni di vino del 7% a 1.22 miliardi di euro nel semestre.
  • I tre paesi europei di riferimento hanno quindi avuto un incremento da 7 a 7.2 miliardi di euro di esportazioni.
  • Fuori dall’Europa cominciamo a ragionare con i cambi. Il Cile supera l’Australia e diventa per la prima volta il numero 4 nel mondo del trade del vino, con export in crescita del 3% in Euro e dell’8% in dollari americani. L’export australiano scende del 6% in Euro ma del 3% in valuta locale nei primi 6 mesi, con volumi in calo del 7% e quindi un prezzo mix positivo del 4% in valuta locale.
  • Per gli USA l’incremento delle esportazioni e’ del 21% in valuta locale e del 16 in Euro e si posiziona a 542 milioni, poco piu’ di 100 milioni sotto Cile e Australia.
  • Terminiamo con il calo dell’Argentina in calo del 9% in euro a 311 milioni, con una riduzione dei volumi esportati da 1.8 a 1.4 milioni di ettolitri.

 

exportmondo h113 3
exportmondo h113 2
exportmondo h113 4
exportmondo h113 5
Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>