Esportazioni italiane di vino per regione e tipologia – aggiornamento agosto 2012

2 commenti

Nel 2010 ISTAT ha cambiato le classificazioni sulle esportazioni, in concomitanza di una revisione dei codici. Oggi diamo un’occhiata a questi dati, che cominciano ad avere una storia “dignitosa” alle spalle, che sono relativi alle esportazioni a valore del vino imbottigliato, suddiviso nel modo più capillare possibile. In particolare, sono rilevate e separate le DOC dalle IGT, e a livello regionale ci sono 3 regioni, Toscana, Veneto e Trentino Alto Adige per le quali viene fornito un dettaglio delle esportazioni di vino DOC. Vediamo insieme qualche dato.

  • Dunque, delle esportazioni di vino imbottigliato, 3.5 miliardi di euro a fine agosto sui 12 mesi, il 48% sono vini DOC, che a loro volta sono per tre quarti vini rossi (36% del totale) e il restante quarto sono vini bianchi (12%). Il segmento IGT rappresenta il 32% delle esportazioni e in questo caso il bilanciamento tra vini rossi e bini bianchi è maggiore, circa 55/45. La restante parte, il 20% è fatto di vini da tavola, vini varietali e vini con gradazione alcolica superiore al 15%.
  • Se invece tagliamo il dato su base regionale, troviamo che i vini DOC toscani sono il 14% del totale, il 10% è rappresentato dai vini DOC Veneti, il 5% dai vini rossi piemontesi DOP il 4% dai vini del Trentino Alto Adige, con il 67% nella mare magnum del resto. Per converso, si può dire che queste 4 regioni (assumiamo che l’export di vini fermi bianchi piemontesi sia marginale), rappresentano il 33% delle esportazioni totali e i due terzi delle esportazioni di vini DOC.
  • Passando a un’analisi dinamica dei dati, che da qualche mese è disponibile con una buona base di dati storici, si può dire che dal 2010 a questa parte le categorie più in crescita sono anche quelle a minor valore. Quindi su base 2 anni e mezzo, i vini DOC sono su del 13%, i vini IGT del 18%, i vini varietali del 17% e  i vini da tavola del 15%.
  • Più nel breve termine, e come potete apprezzare dal grafico, potete apprezzare che la categoria in questo momento in maggiore crescita è quella dei vini bianchi DOC Veneti (escludo i vini varietali che sono una categoria molto marginale), seguiti dai bianchi IGT e, tra i vini rossi, i vini DOC piemontesi.
  • In linea di massima, il Piemonte sembra andare meglio del Veneto e della Toscana (+11% vs. +8% e +7%) almeno nel segmento dei vini di qualità. Di certo, la regione tra queste meno performante sembra essere il Trentino Alto Adige, dove le esportazioni crescono soltanto del 3% nel corso degli ultimi 12 mesi.

 

Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

2 Commenti su “Esportazioni italiane di vino per regione e tipologia – aggiornamento agosto 2012”

  • mario

    Grazie 1000 per l’utile o chiara esposizione dei dati che per me che sto svolgendo una tesi in vitivinicoltura è fondamentale. Una domanda, ma per prendere dati inerenti alla regione abruzzo e nella mia città (ortona al mare), dove posso vedere?
    La ringrazio per la considerazione

  • bacca

    No, non mi risulta che sia possibile avere esportazioni di vino per regione, al di la’ di questi dati che sono pubblicati nel post. Ma magari mi sbaglio o ignoro altre fonti di informazione.

    Marco

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>