Veneto – produzione di vino e superfici vitate – aggiornamento 2011

nessun commento
Print Friendly, PDF & Email

 


Veneto – principali punti:

  • La produzione 2011 e’ cresciuta del 2.6% a 8.7 milioni di ettolitri, mostrando ancora volta una invidiabile costanza nel tempo. Dal 2000 a questa parte il Veneto ha visto la produzione incrementarsi dell’1% annuo, una delle poche regioni con il segno piu’ in Italia. Frutto della presenza di operatori relativamente grandi, di prodotti orientati all’export e, non ultimo, del grande successo del Prosecco.
  • I dati sulle province sono leggermente sfalsati dal fatto che nel 2011 ISTAT ha escluso i mosti della produzione princiviale (mosti che, per quanto pochi siano a 141mila ettolitri, sono invece sono inclusi nel numero totale di 8.7). Diciamo che i numeri mostrano un incremento del 5-6% per le due principali province Verona e Treviso (+2% e +1% annuo nel dato decennale) e un calo del 10% a Vicenza, dove pero’ potrebbero concentrarsi i mosti. Se cosi’ fosse, staremmo tirando una conclusione errata. Quindi di certo la produzione incrementa a Verona e Treviso, per Vicenza non si puo’ dire.
  • Quello che si puo’ invece dire e’ che e’ stato un anno favorevole per i prodotti DOC, che crescono del 10% a 3.7 milioni di ettolitri, mentre i vini IGT sono scesi a 3.4 milioni. Si tratta di un sorpasso in certo modo “storico” in una regione dove fino a qualche anno fa la concezione di IGT era dominante. Rimbalza la produzione di vini da tavola da 1.2 a 1.45 milioni di ettolitri (+17%), mentre i mosti sono come abbiamo detto una parte veramente marginale del tutto.
  • Sulle superfici si capisce come sempre poco, ma di certo abbastanza per dire che secondo i dati del censimento ma anche il rilevamento ISTAT non stanno scendendo!
  • Last but not least, conviene dare un’occhiata seria ai dati ISTAT sul valore aggiunto del settore, perche’ il Veneto si sta effettivamente imponendo come modello industriale nel mondo del vino. I dati sulle produzioni, in costante e leggera crescita, sono anche confortati dalla crescita del valore aggiunto del settore vitivinicolo, del 6% nel 2011 e del 3% annuo dal 2007 a questa parte, molto meglio della media nazionale ma anche e soprattutto nel Nord. Da questo punto di vista, il Veneto e’ ancora secondo alla Puglia, che pero’ e’ in calo. Non siamo lontani da una potenziale sorpasso…

 

Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>