Il programma di espianto delle viti in Europa – aggiornamento 2011

nessun commento
Print Friendly, PDF & Email

Aggiorniamo le statistiche sul programma degli espianti con i dati di riduzione del potenziale produttivo in Europa, con suddivisioni tra i principali paesi e per classi di resa per ettaro.
• La riduzione del potenziale produttivo in Europa nei primi 3 anni di applicazione e’ del 6% della produzione media del quinquennio, cioe’ 10 milioni di ettolitri su 176 milioni di ettolitri totali
• La Spagna ha ridotto il suo potenziale produttivo di 4.5m/hl, cioe’ il 43% del totale europeo e l’11% della sua produzione media annua.
• L’Italia ha ridotto di 3.4m/hl il suo potenziale produttivo, un terzo del totale europeo. Secondo i dati dell’EU cio’ rappresenta il 7% del nostro potenziale produttivo medio dei 5 anni, pari a 51.5m/hl, che presumibilmente include l’autoconsumo.
• La Francia ha invece ridotto la produzione soltanto del 3%, come il resto dell’Europa.
• Osservando invece la suddivisione degli espianti in base alle classi di resa per ettaro, in Italia il 33% della riduzione del potenziale produttivo viene da espianti di vigneti con produzione di oltre 160 ettolitri per ettaro. Essenzialmente questi vigneti esistono (o sono stati espiantati) soltanto in Italia.
• L’Italia e’ il 76% degli espianti di vigneti oltre a 90hl/ha, mentre rappresentat soltanto l’11% degli espianti di vigneti al di sotto dei 90hl/ha. Di nuovo un sintomo di una struttura di vigneti molto sbilanciata verso l’altra produzione.


Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>