Esportazioni di vino Australia – aggiornamento giugno 2011

nessun commento
Print Friendly, PDF & Email

NB I dati si riferiscono ai 12 mesi terminanti a giugno 2011. Le variazioni percentuali, ove non espressamente specificato, si riferiscono a tale periodo rispetto ai 12 mesi terminanti a giugno 2010. Cio’ e’ dovuto al nuovo modo in cui i dati sono rielaborati dagli organismi australiani di settore.


Esportazioni di vino australiano su 12 mesi terminanti a Giugno 2011
• Calo annuo del 6% per i volumi a 7.28m/hl, mentre a valore scendono sotto i 2 miliardi di dollari australiani, in calo del 19%.
• Il calo sta decelerando, dato che rispetto a fine 2011, la riduzione a valore e’ del 4.4% e a volume del 7%
• Il mix continua a spostarsi verso i vini sfusi (48% dei volumi) a causa del graduale trasferimento degli impianti di imbottigliamento nei paesi di destinazione per i vini di basso valore (meno di 2.5 dollari la bottiglia).
• I vini imbottigliati calano a 3.8m/hl, -17%, con un valore al litro in crescita del 5% a 4.24 dollari. Il mix guida le esportazioni con i prodotti sopra i 10 dollari al litro in crescita del 13% a valore (+4% volume), spinta soprattutto dalla fascia 20-50 dollari (+55% a valore).
• Nei vini sfusi l’export cresce del 9% a 3.4m/hl, con un valore al litro in crescita del 2%.
• Le esportazioni di vini bianchi sono al 36% del totale, quelli di vini rossi al 61%, gli spumanti al 2%.
• I principali mercati sono UK (-6% a 2.45m hl), US (-19% a 1.8m/hl), Canada (+6%, 0.5m/hl), Cina (+12%, 0.5m/hl) e Germania (+27%, 0.4m/hl). Questi 5 mercati sono l’80% delle export totale.


Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>