Veneto – produzione di vino e superfici vitate – aggiornamento 2010

nessun commento
Print Friendly, PDF & Email


Vino bianco e niente vie di mezzo. Questo sarebbe un buon titolo al commento sulla produzione di vino 2010 in Veneto. Le tendenze sono chiare: l’industria vinicola funziona (cioe’ va bene in valore assoluto e decisamente meglio del resto del paese), le superfici non calano, la produzione e’ alta e stabile in volume ma non in tipologia. Il Veneto sta muovendo verso i vini bianchi e verso i vini DOC, non a discapito dei vini da tavola, ma a discapito dei vini IGT. Quindi, niente vie di mezzo. La qualita’ dei dati sembra buona sia come dichiarazione dell’ISTAT (soltanto il 6% della produzione e’ stimato) sia come consistenza storica dei numeri. Vediamoli in dettaglio.

• Superfici vitate stabili poco sopra 70mila ettari, senza tendenze nette in nessuna sottozona. La superficie maggiore resta a Treviso con 25700 ettari, seguita da Verona con 23400.
• La produzione di vino raggiunge il massimo degli ultimi 5 anni a 8.4 milioni di ettolitri, +2.2% verso il 2009 e +3.8% annuo negli ultimi 5 anni. L’unica provincia in calo e’ Venezia, mentre le due province chiave, Verona con 3.2m/hl e Treviso con 3m/hl sono entrambe in crescita del 3.7% sul 2009 e in del 5-8% su una media a 5 anni.
• Ne risulta un quadro con una resa per ettaro in ulteriore crescita a 159q/ha, un livello molto elevato anche rispetto alla media italiana 2010 di 98. A Verona si arriva addirittura a 182q/ha a livello provinciale.
• Passiamo alle due tendenze chiave. La prima: sempre piu’ vini DOC, probabilmente legata al passaggio a DOC del Prosecco che ha fatto balzare la categoria di 1m/hl da 2.3m di ettolitri a 3.3. Oggi i vini DOC sono il 40% del totale contro il 35% del 2009 e il 30% storico. Calano in corrispondenza i vini IGT a 3.6m/hl, cioe’ il 42% della produzione totale. Erano il 45% nel 2009 e addirittura il 60% della produzione totale nel 2005-08.
• Seconda tendenza. Grande spinta verso i vini bianchi. Sono oggi il 66% della produzione totale contro il 63% del 2009 e il 50-55% degli anni scorsi. I vini rossi sono oggi poco piu’ del 30%. In realta’ in valore assoluto i vini rossi stanno anche calando in valore assoluto, sono oggi 2.6m/hl contro 2.9m/hl del 2009 e i picchi di 3.6-3.7m/hl del 2007-08.
• L’economia del vino non e’ andata benissimo ma le tendenze di medio termine sono eccellenti. Il Veneto produce un valore della produzione viticola di 460 milioni nel 2010, con un calo del 4% rispetto al dato rettificato 2009, ma mantenendo una tendenza alla crescita sui 5 anni. Di certo, si tratta del secondo calo dopo quello del 2009. Il valore della produzione di vino invece sale del 1% a 327 milioni e mostra una tendenza costante di crescita (+9% annuo sui 5 anni). Il modello Veneto sembra vincente: nel 2006 era il 13% del valore della produzione di vino in Italia oggi e’ il 18%. Il valore della produzione della viticoltura e’ passato dall’11% al 15% del totale.









Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>