Sicilia – produzione di vino e superfici vitate – aggiornamento 2010

nessun commento
Print Friendly, PDF & Email


Le statistiche relative alla Sicilia fornite da ISTAT sono piuttosto precise: soltanto il 2% della produzione e’ dichiarato come “stimato”, mentre il 98% e’ “rilevato”. Procediamo dunque all’analisi con fiducia, anche se gia’ vi anticipo che ci sono numerosi punti di domanda in questi numeri. Siccome pero’ questi sono “i” numeri, dobbiamo trarre il massimo da cio’ che abbiamo.


• La superficie vitata e’ scesa a 107mila ettari, da un valore di 124mila del 2009 che se l’anno scorso avevamo definito “dubbio” oggi possiamo definire “sbagliato”. In realta’ la superficie vitata siciliana non e’ mai salita e probabilmente ha accentuato il ritmo di discesa proprio nel 2010 con gli espianti. Conviene allora confrontare il 2010 con il 2008, quanto gli ettari erano 111mila. Si tratta di un calo concentrato a Trapani (che scende a 54600 ettari) e Palermo (a meno di 12 mila ettari), mentre apparentemente le altre province stanno assistendo a un incremento delle superfici (Agrigento +4000 ettari a 24mila rispetto al 2008).
• La produzione vinicola scende dell’8% a 5.7 milioni di ettolitri. Il calo medio annuo dal 2006 e’ di circa il 5% annuo. Cio’ si confronta con un valore di -1.5% annuo per l’Italia. Trapani e Palermo sono allineate alla media regionale (ma la produzione e’ scesa nel 2010 a Trapani e cresciuta a Palermo). Ad Agrigento la produzione cala visibilmente nonostante le maggiori superfici vitate.
• Passando al tipo di prodozione. I vini DOC non decollano in Sicilia. La produzione resta marginale e addirittura scende a circa il 3% del totale nel 2010 dal 4% circa del passato. Stanno invece prendendo piede i vini IGT che balzano al 42% della produzione rispetto al 28% del 2009. Di conseguenza, sia i vini da tavola (42% del totale) che i mosti (14%) hanno nel 2010 il peso piu’ basos degli ultimi anni.
• La produzione per colore continua a mostrare una prevalenza dei vini bianchi che coprono il 53% della produzione totale. La riduzione dei mosti rende il confronto meno chiaro, nel senso che anche i vini rossi aumentano il loro peso dal 30% al 33% del prodotto totale. In realta’ non ci sono significative differenze rispetto al passato.
• L’economia del vino in Sicilia va peggio della media nazionale. Secondo ISTAT il valore della produzione viticola ai prezzi di origine e’ stata stabile a 300 milioni di euro nel 2010 ma in prospettiva storica mostra un calo del 5% annuo. Il dato italiano e’ +2% nel 2010 e -1% sui 5 anni. Peggio va per la produzione di vino, dove il valore crolla del 34% nel 2010 a 76 milioni (-4% per l’Italia) e del 10% medio annuo dal 2006 (stabile in Italia).








Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>