Produzione mondiale di vino 2010 – stima OIV Marzo 2011

2 commenti
Print Friendly, PDF & Email


Il post “macroeconomico” della produzione mondiale di vino e’ sempre piuttosto interessante, come anche la lettura del rapporto redatto da OIV. Che cosa dice OIV? Che la produzione mondiale di vino e’ scesa nel 2010, forte di una annata non eccezionale ma anche delle azioni europee relative all’espianto della vite (superficie vitata mondiale -1.7% nel 2010 secondo OIV a 7.55 milioni di ettari) . In questo modo, secondo l’organizzazione, il mercato del vino resterebbe “in tensione” dato che la domanda nel 2010 non dovrebbe essere scesa in modo significativo (-0.1/-0.2% secondo OIV), attestandosi tra 230 e 240 milioni di ettolitri; mentre l’offerta dovrebbe essere scesa dallo stimato 271m/hl del 2009 a 256-263m/hl (ricordate sempre che OIV considera un certo quantitativo (30m/hl) come utilizzati per scopi industriali (distillazione) e non quindi strettamente consumati.



I dati sono molto simili a quelli di ottobre ma diversi nella loro composizione. L’Europa e’ sempre vista con una produzione di 153m/hl nel 2010, cioe’ circa 10 milioni in meno del 2009. In Francia la produzione e’ calata di 0.6m/hl a 45m/hl, in Italia siamo accreditati di 44.8m/hl, 2.6m/hl meno del 2009. So bene che questi numeri non corrispondono ai nostri, ma come sappiamo OIV va per la sua strada. La Spagna e’ prevista produrre 34m/hl invece dei 35m/hl attesi a ottobre, mentre in Germania si prevedono ora soltanto 7.2m/hl contro i 9.2m/hl del 2009 e la stima precedente di 8.8m/hl.

Fuori dall’Europa le stime sono rimaste sostanzialmente allineate alle precedenti. Gli USA sono visti poco sotto i 20m/hl, -11% rispetto al 2009, mentre l’Australia e’ vista in calo del 4% a 11.7m/hl (per loro fortuna). OIV riprende questo dato sull’Argentina a +34% a 16.3m/hl. La stima del Cile invece e’ stata abbassata da 9.1m/hl a 8.8m/hl, cioe’ un calo del 12% rispetto ai 10 milioni del 2009. Ci sono poi i 51 mlioni di ettolitri del resto del mondo.
Infine, un’occhio al lungo termine. La produzione di vino 2010 di 260 milioni di ettolitri e’ del 6% inferiore alla media degli ultimi 6-7 anni e, tirando una riga, ci indica un trend declinante del 2.4% annuo su 6 anni. In questo trend, l’Europa produce il 15-16% in meno della media storica, il resto del mondo il 12-13% in piu’; l’Europa ha un calo annuo della produzione di circa il 5% annuo, l’estero cresce a volumi a un ritmo del 3% annuo. Di questo passo l’appuntamento per il sorpasso del resto del mondo con l’Europa e’ fissato, neanche troppo lontano: 2015.


Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

2 Commenti su “Produzione mondiale di vino 2010 – stima OIV Marzo 2011”

  • Massimo Tonini

    Ciao Marco,

    Spero tutto bene, leggo sempre con curiosità ed entusiasmo i tuoi post che trovo utilissimi, ma questo già lo sai…

    Mi permetto di disturbarti perché sto assemblando dei documenti per un imminente CDA e mi sono reso conto che i miei dati OIV non sono esaustivi.

    Ho mutuato alcuni numeri dal tuo post, ma mi chiedevo: hai per caso i numeri di Sud Africa, Cina e Nuova Zelanda, che possano essere intergrati nel reticolato di sintesi che hai presentato qui sopra?

    Sul sito OIV ho trovato solo la presentazione di Porto, in pdf e senza numeri, solo grafici (e anche un po’ bulgari, non quello dei gioielli evidentemente)…

    Grazie e a presto!

    Massimo

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>