Produzione mondiale di vino 2010 – stima OIV Ottobre 2010

1 commento
Print Friendly, PDF & Email


In attesa che Istat ci illumini sulla produzione italiana di vino del 2010, cominciamo a guardare I dati preliminari mondiali 2010 di produzione di vino, che sono stati comunicati da OIV qualche settimana fa. Secondo l’organizzazione, si stima una produzione di vino di circa 259 milioni di ettolitri, con un calo del 4% rispetto al livello del 2009 e del 7% inferiore alla media degli ultimi 5 anni. Per quanto riguarda l’Italia OIV ci accredita di circa 42.6 milioni di ettolitri, 5 in meno rispetto al 2009, che significa un -11% sul 2009 e un -13% sulla media quinquennale. Sono dati “sballati” per come li conosciamo noi, ma cosi’ sono pubblicati e cosi’ li teniamo per coerenza con il resto (ISTAT vede produzione 2009 a 45.4m/hl e non 47.7m/hl come in questo rapporto). Al di la’ della bonta’ o meno dei numeri (mi aspetterei che almeno sui dati italiani OIV fosse coerente con ISTAT, ma cosi’ non e’), le conclusioni sono chiare: (1) l’Europa continua a perdere in quota di mercato sulla produzione mondiale a favore del resto del mondo. Cosi’ e’ stato negli ultimi anni. L’Europa oggi e’ il 59% del vino mondiale, nuovo punto di minimo (60% quello precedente nel 2008); (2) tra gli altri paesi sta crescendo forte l’Argentina, che sta sempre meno vendendo mosti e sempre piu’ vinificando. Con questi dati ha superato di gran lunga l’Australia come quindo produttore mondiale dopo Francia, Italia, Spagna e USA.




Restiamo sui dati globali. Secondo OIV invece i consumi sono visti intorno a 240 milioni di ettolitri, allineati al 2009, il che porterebbe a un eccesso produttivo di circa 20 milioin di ettolitri che verrebbe ben coperto dai noti 25-30 milioni di ettolitri di utilizzo industriale dei vini.

Come gia’ accade da qualche anno e’ l’Europa a subire il calo maggiore, con un -6% a 153 milioni di ettolitri (16% sotto la media quinquennale). A contribuire a questo calo, oltre al dato ialiano di cui abbiamo detto, ci sarebbe un -2% della Francia a 44.8m/hl, un -5% della Germania a 8.8m/hl e un crollo del 14% della produzione di vino nel resto d’Europa. L’unico produttore europeo stabile sarebbe secondo OIV la Spagna (35 milioni di ettolitri).

Fuori dall’Europa le cose sembrano andare un po’ meglio. Il dato globale segna un -1% a 106 milioni di ettolitri. All’interno del dato si evidenzia pero’ un -9% degli USA a 20 milioni di ettolitri (-3% sulla media storica, dato che il 2009 e’ stato un anno eccezionalmente produttivo) e un -9% dell’Australia a 10.3 milioni di ettolitri. Sale invece l’Argentina a 16.3m di ettolitri +34% e l’11% sopra la media storica. In Cile dopo aver toccato il record produttivo nel 2009 a 9.9 milioni di ettolitri la produzione e’ stimata in calo del 7% a 9.1m/hl.


Il resto del mondo produrrebbe secondo OIV 50 milioni di ettolitri (-2% sul 2009, ma l’organizzazione denuncia la mancanza di dettagli di qualsiasi tipo relativamente alla produzione cinese.

Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

1 Commento su “Produzione mondiale di vino 2010 – stima OIV Ottobre 2010”

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>