Lazio – produzione vini DOC/DOCG – aggiornamento 2008

nessun commento
Print Friendly, PDF & Email


La produzione di vini DOC nel Lazio nel 2008 e’ stata secondo Federdoc di 538mila ettolitri. Sembra un numero piuttosto attendibile, visto che mancano soltanto un paio di DOC molto piccole. Devo pero’ avvertirvi che sono stato “costretto” a rettificare i dati 2007 di due DOC (Marino e Colli Albani) per i quali la produzione e’ stata soltanto inspiegabilmente di un decimo rispetto a quella media degli altri anni. Il dubbio che il numero “manchi di uno zero prima della virgola” e’ piuttosto significativo: possibile che Marino produca 83mila ettolitri nel 2006, poi 7810 nel 2007 e 71mila nel 2008? Propendo per considerare il 7810 un 78100. Excel talvolta tradisce con le virgole e i punti, soprattutto quando si confondono i decimali con i separatori delle migliaia. Concludo la disanima sulla autorevolezza dei dati mettendovi a disposizione il dato ISTAT sulla produzione DOC/DOCG del Lazio 2008: 903mila ettolitri, rispetto ai 538mila che derivano dalla somma dei dati Federdoc. Ora, i contribuenti italiani pagano entrambi questi istituti con le loro tasse. E’ CERTO che uno di questi due dati e’ sbagliato. Che ce ne facciamo?



Torniamo ai dati. La produzione di vini DOC in Lazio e’ scesa del 10% circa rispetto al dato rettificato. I dati sulle superfici non sono ben leggibili, in quanto sembrerebbe che a questo -10% si contrapponga un +16% delle superfici denunciate, che appare piuttosto “improbabile” e qualche dubbio di aggiustamento dei numeri mi viene. Si conferma comunque la generale tendenza al calo della produzione di vino nella regione, che continua da diversi anni.

Le grandi DOC del Lazio, stanno diventando delle DOC medie. Purtroppo il calo della DOC chiave, Castelli Romani, e’ ogni anno superiore a quella del resto delle denominazioni. Nel 2008 si sono prodotti 173mila ettolitri di vino, contro 202mila del 2007. I 240mila ettolitri del 2005-06 sono ben lontani. Anche la seconda e la terza DOC sono in calo: Frascati scende da 128mila a 122mila ettolitri, mentre Marino scende da 78mila a 71mila ettolitri. Il grafico di inizio post esemplifica in modo perfetto la tendenza discendente della produzione, che non risparmia neppure il resto delle denominazioni, che rappresentano circa il 25% della produzione totale.


Chi cresce? Sostanzialmente nessuno. La DOC in crescita e’ Tarquinia, che produce 4mila ettolitri e Est!Est!Est! di Montefiascone, che tiene il suo livello produttivo storico di poco piu’ di 25mila ettolitri. Questo e’ un cattivo segnale: nella regione non c’e’ nessuna forza trainante, nessuna denominazione che riesca veramente a bucare il mercato (come invece succede in centro Italia per il Montepulciano d’Abruzzo).

Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>