Superficie vitata in USA: andamento e tipologia dei nuovi impianti – dati 2008

nessun commento
Print Friendly, PDF & Email


california superficie 2008

Il dipartimento dell’agricoltura americano ha diramato i dati relativi alla superficie vitata in California con il dettaglio per vitigno e dei nuovi impianti degli ultimi anni. Questa statistica ci consente (1) di confermare quanto detto recentemente, e cioe’ che la produzione di vino americana non crescera’ piu’, dato che il saldo nuovi impianti/vigneti abbandonati sta deteriorando; (2) di vedere quali sono le tendenze riguardo ai nuovi impianti per vitigno. Su questo punto non si preannunciano buone notizie per l’Italia, dato che gli americani si stanno attrezzando a produrre in California il Pinot Grigio.


california superficie 2008 2

A fine 2008 la California ha raggiunto una superficie vitata di 190000 ettari, di cui circa 11000 non ancora produttivi (relativi agli impianti degli ultimi 3 anni). Di questa superficie, circa 117mila sono di vini rossi e il rimanente 74mila di vini bianchi.

california superficie 2008 3

Il ritmo dei nuovi impianti e’ calato in modo molto significativo. Nel 2001 e anni precedenti si cresceva al ritmo di 7-8000 ettari l’anno, tra il 2002 e il 2006 di 4-5000 ettari l’anno, nel 2008 la crescita si e’ ulteriormente dimezzata a 2600 ettari. A fronte di questo calo, la quota dei vini rossi e’ gradualmente diminuita, passando dal 70% dei nuovi impianti a un livello del 50-52% negli ultimi due anni, il che mette in luce come nei prossimi anni la produzione americana si spostera’ gradualmente verso i bianchi.

california superficie 2008 45

Quali sono i due vitigni in assoluto piu’ “impiantati” nel 2008? Il Pinot Nero, con 726 ettari e il Pinot Grigio con 642 ettari. La differenza tra i due? Che mentre il primo parte da una base di 13000 ettari, il secondo e’ un astro nascente, nel senso che con questi 642 ettari ha raggiunto i 4800 ettari totali e si impone come quarto vitigno bianco americano.

california superficie 2008 4

Ma andiamo con ordine per i vini rossi e i vini bianchi. Nei vini rossi, come vedete dalla torta c’e’ una buona diversificazione tra Cabernet, Zinfandel e Merlot. Questi tre fanno il 60% della superficie vitata ma soltanto il 25% dei nuovi impianti del 2008 (percentuale questa in costante calo). Il tutto a discapito del Pinot Nero che con il 12% della superficie incamera il 53% dei nuovi impianti, con un boom iniziato in realta’ nel 2006 quando si raggiunse la cifra record di 1446 ettari di nuovi impianti (51% del totale).


california superficie 2008 35

Nei vini bianchi il dominio dello Chardonnay non e’ in discussione, anche se la quota del vitigno sui nuovi impianti e’ ora del 33% nel 2008. C’e’ da notare un recupero, che piu’ che altro e’ dovuto al calo dei nuovi impianti degli altri vitigni. Mentre il boome del Sauvignon sembra essersi arrestato (nessun nuovo impianto nel 2008 o quasi), il Pinot Grigio sta vivendo un vero e proprio boom, con il 53% dei nuovi impianti di vino bianco contro il 7% della superficie totale. Un boom che ha avuto origine in due fasi: una prima fase tra il 2001 e il 2003 e una seconda fase tra il 2006 e il 2008. I produttori italiani sono avvertiti…

Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>