Esportazioni di vino italiano – aggiornamento ottobre 2009

nessun commento
Print Friendly, PDF & Email


export ottobre 2009 1

Le esportazioni di vino ad ottobre riservano qualche brutta sorpresa. (1) nonostante una base di comparazione piu’ “facile”, con ottobre 2008 gia’ in discesa del 3%, sono calate dell’8%. Se cumuliamo i due cali (2008 e 2009) e’ il peggior mese dell’anno dopo luglio. (2) la causa principale del peggioramento sono i vini imbottigliati che calano del 7%, il peggior calo da aprile a questa parte; (3) i vini spumanti cominciano a “normalizzarsi”, con la quasi scomparsa delle esportazioni verso la Spagna e una graduale normalizzazione di quelle verso il Regno Unito: il calo e’ del 15% ma si nota una decelerazione del ritmo di riduzione. (4) Le importazioni di vino in Italia hanno avuto un mese positivo. Per la prima volta da molto tempo, le importaizoni di vini spumanti dalla Francia (Champagne + poco altro) sono cresciute del 20%. Sull’anno stiamo sempre a -46% ma qualche segnale comincia a vedersi.


export ottobre 2009 2

Questa volta ho deciso di proporvi soprattutto tabelle. Il grafico che forse la dice piu’ lunga e’ quello dove la riga viola taglia quella rossa: significa che su base annua l’export italiano e’ sceso sotto il livello di due anni fa, cioe’ del 2007. Dovrebbe essere l’ultimo “taglio”, nel senso che il livello del 2006 sembra essere molto lontano. Ad oggi le esportazioni calano del 5% sull’anno scorso: era un calo che qualche mese fa avevamo piu’ o meno predetto. Cosa c’e’ davanti a noi? Un novembre potenzialmente ancora difficile (-6% lo scorso anno). Poi dicembre e gennaio (che sono mesi relativamente scarichi) sono stati terribili, con cali oltre il 10%: ci si dovrebbe quindi attendere un recupero, non tale da invertire l’andamento sui 12 mesi ma da cominciare a far vedere un cambio di tendenza.

export ottobre 2009 3

Nei vini imbottigliati la tendenza piu’ preoccupante e’ quella della Germania. Il mercato tedesco e’ stato positivo per tutti i mesi di quest’anno salvo girarsi in negativo a settembre e confermare, in peggioramento, il calo in ottobre: -5% sul mese, ancora +2% sull’anno ma in rapido deterioramento. Lo stesso sembra accadere nel Regno Unito, dove l’export di ottobre e’ stato -15%, e in Canada, dove da tre mesi a questa parte le esportazioni sono sotto di oltre il 10%. Con andamenti un po’ altalenanti, il Giappone sembra essere stabilizzato con qualche segno di recupero.

export ottobre 2009 4

La lettura dei dati dei vini sfusi non si presta a conclusioni diverse: la Germania cede e questo genera il -6% delle esportazioni del mese.


export ottobre 2009 5

Per i vini spumanti il -14% non e’ cosi’ male. Rimbalza pesantemente la Germania, progrediscono gli USA e si sta riassorbendo la bolla Regno Unito. I fondamentali sembrano dunque buoni. Le esportazioni spagnole a ottobre… non ci sono state. Ora questo mercato vale EUR12m sui 12 mesi, era arrivato a EUR44m durante l’estate del 2008. I dati del boom dell’export erano dunque falsi, il boom non c’era. Ma va detto che ora le cose non sono poi cosi’ male: il prodotto tiene e cresce nei mercati “veri”, contro un andamento ancora negativo dello Champagne.

export ottobre 2009 6
Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>