Sud Africa – superfici, mercato e produzione di vino – agg. 2008

1 commento
Print Friendly, PDF & Email


sud africa 2008 1

Torniamo oggi sui dati del Sud Africa grazie al rapporto annuale molto dettagliato che viene reso disponibile dal SAWIS, che si occupa espressamente di stilare le statistiche sul mondo del vino. Lo studio di presenta un quadro iper-dettagliato, del quale noi esploreremo soltanto le cose piu’ significative. Che cosa emerge da questi numeri: (1) il Sud Africa ha raggiunto una superficie vitata di circa 100mila ettari e qui si e’ fermata. Sono due anni che la vigna non cresce piu’; (2) la produzione continua invece a crescere in modo moderato grazie a un andamento favorevole delle rese produttive; (3) il mercato del vino Sud Africano, anche a causa delle cattive condizioni economiche, non sta piu’ crescendo in volumi e ormai copre meno del 50% della produzione di vino del paese; (4) le esportazioni continuano a crescere e hanno raggiunto nel 2008 4.1m/hl; (5) l’industria del vino locale mostra segnali molto sani di consolidamento: le piccole aziende sono numericamente in calo e sono sostituite da aziende piu’ grandi: un buon segnale per la sostenibilita’ del settore nei prossimi anni.


sud africa 2008 2


Il Sud Africa ha prodotto 7.6m/hl di vino nel 2008 (ma dovrebbe subire un piccolo calo nel 2009), in crescita del 3-4% annuo a partire dal 2006. La produzione di vini bianchi e’ preponderante (62%) ma nel corso degli ultimi due anni sta crescendo meno di quella dei vini rossi, che ormai sfiorano i 3m/hl. La superficie vitata ha superato nel 2004 i 100mila ettari ed e’ tuttora a 101mila ettari. Anzi, la superficie ha cominciato a scendere a partire dal 2006. La combinazione di superfici stabili e aumenti di produzione ci porta a un breve commento sulle rese per ettaro, che sono abbastanza elevate a 75hl/hl e che sono in costante crescita da qualche anno (fatta eccezione per il 2005, in cui il Sud Africa ebbe una cattiva vendemmia).

sud africa 2008 3

Passando ai dati di mercato, questi numeri somigliano un pochino a quelli australiani di qualche anno fa: il mercato interno non cresce e la produzione aggiuntiva viene esportata. Siamo cosi’ arrivati a un livello di esportazioni di 4.1m/hl, che supera i 3.6m/hl di consumo interno di vino. Soltanto 5 anni fa, le esportazioni stavano a 2.7m/hl. La dimensione esportativa del Sud Africa in termini di volumi, per dare un’idea e’ di poco meno di un quarto di quella italiana.

sud africa 2008 4

Il mercato e’ pero’ in equilibrio: la produzione non supera la somma di consumi e export/import e le scorte interne di vino non si sono molto mosse nel corso degli ultimi anni: erano 3.6m/hl nel 2004 e sono allo stesso livello oggi. Anzi, nel corso del 2007 e 2007 le scorte sono calate da un livello di circa 4m/hl.


sud africa 2008 5

Infine, fa fatto un commento sulla struttura industriale. Vi posto solo un grafico, ma mi pare abbastanza emblematico: vi mostra il numero di cantine divise per dimensione di vendemmia (tonnellate di uva processata). Come vedete tra il 2006 e il 2008 il totale delle cantine e’ passato da 4200 a 3800 e questo calo si e’ concentrato (-440) nelle cantine con meno di 500 tonnellate di uva processata. Invece le medie aziende stanno crescendo, cosi’ come i “grandi” produttori locali, che nel giro di due anni sono passati da 5 a 7. Un grafico che sarebbe bello vedere come gira in Italia (se qualcuno lo facesse…).

Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

1 Commento su “Sud Africa – superfici, mercato e produzione di vino – agg. 2008”

  • Notizie dai blog su Piccolo viaggio attorno ai vini del Sud Africa – 2° parte

    […] Sud Africa – superfici, mercato e produzione di vino – agg. 2008 Torniamo oggi sui dati del Sud Africa grazie al rapporto annuale molto dettagliato che viene reso disponibile dal SAWIS , che si occupa espressamente di stilare le statistiche sul mondo del vino. Lo studio di presenta un quadro iper-dettagliato, del quale noi esploreremo soltanto le cose piu’ significative. blog: i numeri del vino | leggi l'articolo […]

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>