Delegat's – risultati 2008-09

nessun commento
Print Friendly, PDF & Email


delegats 2009 1

Non e’ la prima volta che mi permetto di segnalare a chi legge il blog questa azienda neozelandese, Delegat’s, di cui oggi discutiamo i risultati. La segnalavo perche’ un’interessante esempio di azienda in crescita, con azionisti fortemente impegnati, un marchio riconosciuto (Oyster Bay) e una strategia commerciale aggressiva (costi di marketing quasi del 30% del fatturato). Guardiamo oggi i risultati 2009 che sono un misto di forte crescita delle vendite e degli utili (+33% e +58%), forte successo commerciale (volumi +20%, prezzo mix +11%) e, finalmente, buona generazione di cassa (debito in calo dopo anni di crescita grazie a un ottimo controllo del capitale circolante). Sicuramente aiutati dal cambio, sicuramente aiutati dalle ottime vendemmie locali ma certamente gente che investe 60 milioni di dollari locali in marketing e 20 milioni (dopo anni di pesantissimi investimenti) nella struttura aziendale. Oggi Delegat’s vale in Borsa circa 240 milioni di dollari australiani; se aggiungete debito e valore degli interessi di minoranza arrivate a un valore aziendale di circa 430 milioni di dollari australiani, cioe’ 6.6x EV/EBITDA e 8.1x EV/EBIT. Questi sono presumibilmente dei multipli di riferimento per le piccole aziende in crescita.


delegats 2009 15


Che cosa si aspettano dal prossimo anno? Le preoccupazioni sugli stock di vino locale da vendere non stanno toccando l’azienda, che si muove sul segmento super-premium. Peraltro, la crisi c’e’ per tutti e il cambio non aiutera’ i conti 2010 come quelli di quest’anno. Resta l’attesa di una performance commerciale in ulteriore sviluppo e un utile almeno in linea con i 30 milioni di dollari registrati nel 2009.

delegats 2009 2

I numeri penso si possano facilmente desumere dai grafici, ma li riassumo brevemente. Le vendite sono cresciute del 33%, forti di un incremento delle casse vendute a 1.7milioni (+20%) e del prezzo medio per cassa che raggiunge i 125 dollari NZ (+11%). I margini di profitto sono in leggera contrazione: a livello MOL si passa dal 34% al 30%, con 1.7 punti persi sui costi produttivi e 5 punti percentuali sui costi di marketing, parzialmente recuperati con vendite di prodotti ancillari. Il MOL cresce comunque del 17% in valore assoluto a 65 milioni. Con ammortamenti stabili e minori oneri finanziari e tasse (in %) l’utile e’ cosi’ passato da 19 a 30 milioni.

delegats 2009 3

Dove pero’ conviene fermarsi un momento e’ sulla struttura finanziaria del gruppo, dove il capitale investito e’ rimasto invariato, grazie al calo del debito da 162milioni a 139milioni (calo parzialmente gia’ visibile nei dati semestrali). Cio’ e’ stato dovuto a investimenti sostanzialmente stabili a 20 milioni, ma anche al controllo del capitale circolante: nonostante un incremento del 30% delle vendite (da 162 a 216 milioni) il magazzino e’ rimasto a circa 90 milioni e tutto il capitale circolante e’ rimasto fermo poco sopra i 100 milioni.

delegats 2009 4

Dunque, la principale preoccupazione su Delegat’s, cioe’ la crescita del debito insieme a quella degli utili, sembra essersi dissipata, almeno in parte. Cio’ ha consentito un ulteriore incremento del ritorno per gli azionisti, che ormai e’ prossimo al 20%. In un’annata come questa, un bilancio del genere non e’ sicuramente facile da trovare…


delegats 2009 5

Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>