Campari – risultati divisione vino primo semestre 2009

nessun commento
Print Friendly, PDF & Email


campari h109 1

Campari ha fornito una serie di numeri sul secondo trimestre piuttosto soddisfacenti, considerando lo scenario fortemente negativo nel quale ci ritroviamo. Il segmento vino ha ripreso a crescere (+0.9%) in un contesto di crescita organica ancora negativo per il gruppo a -2%. Si tratta di risultati molto interessanti, soprattutto se confrontati con quelli dei concorrenti esteri, che hanno fatto ben di peggio. Riguardo alla divisione vino, una considerazione e’ d’obbligo: la divisione vino di Campari sta gradualmente muovendo verso i mercati internazionali, non soltanto nelle vendite ma anche nella produzione. L’aggiunta del produttore ucraino di spumante e della distribuzione in Argentina sta avendo un impatto di circa il 3% sulle vendite del gruppo. Cosa sta facendo andare bene il vino di Campari? Due prodotti, entrambi spumanti, Cinzano e Riccadonna. Il primo nei mercati europei e il secondo in Australia. Una nota meno positiva viene invece dai margini, che sono in costante diminuzione da ormai 2-3 anni. Il margine industriale e’ sceso tra il 2005 e il 2009 (primi 6 mesi) dal 44% al 36%, mentre il margine di contribuzione sta gradualmente recuperando grazie al forte taglio delle spese pubblicitarie.


campari h109 2


Veniamo ai numeri. Campari a realizzato 60m di fatturato nel vino nel primo semestre, quasi stabili, con un secondo trimestre a +6% che recupera il -9% del primo trimestre. Le vendite sono state negative in tutte le aree salvo che nel resto del mondo e duty free, dove sono cresciute del 24%. In Italia hanno fatto -3%, in Europa -4% e in America -6%. Se confrontate con quello successo nel secondo semestre 2009, ci accorgiamo di significativi cambi di direzione: America ed Europa erano in crescita del 9% e del 13% rispettivamente, mentre l’Italia era stata negativa dell’8%.

campari h109 3

I margini industriali stanno calando, ma Campari sta recuperando con il taglio della pubblicita’ che e’ stata reindirizzata verso i segmenti degli aperitivi e dei superalcolici. Cosi’ il margine industriale sta al 36.6% delle vendite nel primo semestre 2009, contro il 38.3% del 2008 (sempre primi 6 mesi) e il 41% del 2007. Questo calo e’ stato completamente recuperato a livello operativo con le spese pubblicitarie, che sono passate dal 19% del fatturato nel 2007 primo semestre al 13.4% delle vendite nei 6 mesi 2009, molto al di sotto della media del gruppo che viaggia intorno al 18% (annuo).

campari h109 4

I marchi che stanno sostenendo Campari sono quelli dei vini spumanti. Riccadonna sta andando molto bene in Australia e cresce a un ritmo di oltre il 20%. Cinzano sparking sta ancora andando bene (+8% nel semestre). La forte correzione e’ evidente sia sui vini fermi come Sella e Mosca, che sono giu’ del 7%, sia sul segmento del vermouth che soffre la crisi del mercato russo e sta a -16%.

campari h109 5

campari h109 6
Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>