Frescobaldi – risultati e analisi di bilancio 2008

nessun commento
Print Friendly, PDF & Email

Frescobaldi ha riportato un forte calo degli utili nel 2008, causato dalla combinazione della crisi economica e della mancata (o meglio, ritardata) commercializzazione dei vini di Montalcino (Rosso e Brunello) che sono stati posti sotto sequestro lo scorso anno. Nel corso del 2008 l’azienda ha continuato a investire (EUR11.6 milioni, stabili rispetto al 2007 ma questa volta ben al di sopra della generazione di cassa) e ha proceduto alla rivalutazione di terreni agricoli (e in piccola parte fabbricati) per EUR43 milioni in capo alla tenuta Castelgiocondo di Montalcino. Come vedremo, l’operazione non ha dato luogo a movimenti monetari e ha contribuito a un corrispondente incremento del capitale investito e del patrimonio netto, con conseguente impatto negativo sul ritorno sul capitale. Come mai Frescobaldi ha fatto questa mossa? presumibilmente per migliorare il rapporto tra debito e patrimonio netto, che cosi’ ha raggiunto EUR123 milioni (di cui EUR123 milioni), sfruttando la forte differenza tra il valore di mercato dei terreni e quello di carico in bilancio. Paradossalmente, il 2008 potrebbe essere stato l’anno peggiore per Frescobaldi, dato che nel 2009 si puo’ giocare il recupero delle vendite di Brunello. La relazione degli amministratori cosi’ recita: “Per la nostra azienda l’effetto negativo del trend generale del mercato potrebbe essere compensato dalla normalizzazione nella commercializzazione dei vini Brunello di Montalcino e Rosso di Montalcino e da una attenta attività di controllo e risparmio sui costi.”


frescobaldi-2008-1.jpg

La performance commerciale del gruppo non e’ stata cosi’ cattiva, peraltro, con un calo delle vendite dell’1% in Italia e del 5% all’estero (dove vale la pena ricordare la dinamica negativa dei cambi). Il fatturato si e’ mantenuto cosi’ sui 72 milioni, di cui il 54% all’estero.


frescobaldi-2008-2.jpg

Sotto il fatturato Frescobaldi subisce l’impatto dei maggiori costi di acquisto delle materie prime (che passano dal 20% al 24% del fatturato) e del costo del personale (dal 21% al 23% delle vendite). Cosi’ il MOL passa da 19 milioni a 11 milioni, con un margine del 15% rispetto al 26% del 2007. Con ammortamenti e oneri finanziari sostanzialmente stabili, questo calo del MOL si ribatte in modo pesante sull’utile operativo (da 11 milioni a 2 milioni) e sull’utile netto (da 8 milioni a 0.5 milioni).

fresco3.jpg

Il debito netto cresce solo di 3 milioni da 55 a 58 milioni, frutto di un saldo leggermente negativo tra generazione di cassa (EUR8m) e investimenti (EUR11.6 milioni) e di un capitale circolante dove dove l’incremento del magazzino (da 38 a 42 milioni, principalmente dovuto all’incremento delle scorte di prodotti finiti) e’ piu’ che compensato dalle maggiori dilazioni ottenute dai fornitori (da 18 a 23 milioni) e da uno stretto controllo degli incassi (da 21 a 19 milioni, in discesa piu’ marcata che il fatturato). Peraltro, il rapporto debito/MOL passa da 2.9x a 5.3x a causa del calo del MOL.


frescobaldi-2008-4.jpg

Parlavamo di capitale investito: il balzo da EUR146m a EUR181m e’ pienamente spiegato dai 43 milioni di rivalutazione, che si ribattono proporzionalmente sul patrimonio netto e sugli interessi di minoranza. Se l’impatto sulla cassa e’ assente, i ritorni sul capitale sono doppiamente impattati: da una parte gli utili scendono, dall’altra parte il capitale da remunerare e’ piu’ alto. Ne risulta un ritorno sul capitale che passa dal 9% al 2.6%. Se togliessimo la rivalutazione, lo stesso calcolo porterebbe a un livello del 3.5%.

frescobaldi-2008-5.jpg

Infine, vi propongo un confronto con il fatturato Mediobanca, che mette in luce come Frescobaldi sia cresciuto di piu’ del campione. In realta’, cio e’ stato essenzialmente dovuto all’acquisizione del 2005. A partire da quell’anno il fatturato e’ cresciuto solo del 5% rispetto al 13% del campione delle aziende di Mediobanca. In questo contesto, e’ da ritenere che la svalutazione del dollaro e le mancate vendite di Brunello del 2008 possano spiegare almeno parte della differenza.

frescobaldi-2008-6.jpg
Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>