Esportazioni di vino fermo Italia – aggiornamento 2008

nessun commento

Continuiamo la rassegna dei dati finali 2008 delle esportazioni italiane parlando di vini fermi, nelle due categorie di imbottigliato e sfuso. Tutto sommato le cose non sono andate male nell’anno: il vino imbottigliato e’ cresciuto del 2% nel 2008 e quello sfuso del 6%, entrambi in valore. Nel caso del vino sfuso, i volumi hanno segnato un calo del 15%, mentre i vini imbottigliati sono rimasti pressoche’ stabili da questo punto di vista. Come abbiamo visto nei post degli ultimi mesi, le tendenze stanno peggiorando ed e’ prevedibile che nel corso del 2009 si cambi direzione. Se da un lato il mercato americano potrebbe tenere, grazie anche al cambio piu’ forte, come vedremo, le esportazioni italiane stanno gradualmente muovendo verso nuovi mercati che potrebbero essere fortemente impattati dalla crisi in atto.


export-fermo-2008-0.jpg

We continue the review the final data of 2008 Italian exports talking about still wine, in the two categories of bottled and bulk. Bottled wine grew by 2% in 2008 and the bulk wine by 6% in value. In the case of bulk wine, the volume marked a decline of 15%, while for the bottled wines volumes were stable. As we have seen in recent months, the trends are getting worse, we expect that during 2009 they will change direction. While the American market might hold on, thanks to the exchange rate, the Italian exports are gradually moving into new markets that could be strongly affected by the crisis.

export-fermo-2008-1.jpg

Nel 2008 abbiamo esportato EUR2818 milioni in vino in contenitori da meno di due litri, per un volume di 11 milioni di ettolitri. Le statistiche dicono +2.1% in valore e -1.6% in volume. E’ questa la categoria chiave dell’export italiano, dove tre paesi, USA, Germania e Regno Unito coprono il 60% del totale. Nel 2008 la migliore performance tra i primi 10 paesi importatori e’ stata raggiunta dall’Olanda, in crescita del 13%, seguita da Belgio e Svezia con +9% e +7% rispettivamente. Tra i primi 10, le esportazioni sono calate in 3 paesi: USA, Danimarca e Giappone.
In 2008 we exported EUR2818 million in wine in containers of less than two liters, with a volume of 11 million hectoliters. The statistics say +2.1% in value and -1.6% in volume. This is the key category of Italian wine exports, with three countries, USA, Germany and United Kingdom accounting for 60% of the total. In 2008, the best performance among the top 10 importing countries was reached by Netherlands, an increase of 13%, followed by Belgium and Sweden with +9% and +7% respectively. Among the first 10, the exports have declined in 3 countries: USA, Denmark and Japan.

export-fermo-2008-2.jpg

Questa categoria di esportazioni e’ sempre piu’ legata all’entrata in nuovi mercati. Le esportazioni dei paesi oltre il quinto (escludendo i 5 grandi, quelli di prima piu’ Svizzera e Canada) hanno mostrato anche nel 2008 una dinamica molto positiva, passando da 719 milioni a 758. Proprio in questa categoria si celano alcune incognite, quali ad esempio la Russia, che nel 2008 ha importato vino fermo imbottigliato per circa 30 milioni.
This category of exports is growing thanks to the development of new markets. The country exports outside the first five markets (the 3 big ones plus Switzerland and Canada) have shown in 2008 as a very positive dynamic, rising from 719 million to 758. Precisely in this category are hidden some risky markets, such as Russia, which in 2008 imported bottled still wine for about 30 million.

[TABLE=113]

Nel segmento del vino sfuso, invece, le cose sono andate molto meglio a fronte del ben noto crollo dei volumi compensato dal forte miglioramento del prezzo medio. Le esportazioni sono aumentate del 6% a 325 milioni, mentre i volumi sono scesi del 15% a 5.4 milioni di ettolitri. Ora pero’ i prezzi vanno stabilizzandosi, e i volumi continuano a scendere, segno che se le cose non cambiano nel 2009 i vini sfusi mostreranno un calo anche piuttosto pesante. Detto questo, Germania e Svizzera restano i due mercati di riferimento per il prodotto, seguiti dalla Francia che sembra aver trovato su questi livelli (23 milioni) una base stabile di importazioni. Dietro di loro i mercati cambiano ordine ogni anno. Nel 2008 sia la Svezia che il Regno Unito hanno superato la soglia dei 20 milioni e a guardare i dati mensili la loro crescita non sembra essersi esaurita qui.
In the segment of bulk wine, things went much better with the well-known fall in volumes offset by the strong improvement in the average price. Exports grew by 6% to 325 million, while volumes dropped by 15% to 5.4 million hectoliters. Now prices are stabilizing, and volumes continue to decline, a sign that if things do not change in 2009 the category could show a decrease. That said, Germany and Switzerland are the two key markets for the product, followed by France which seems to have found on these levels (23 million) a stable base of imports. Behind them the markets change every year. In 2008, both Sweden and United Kingdom exceeded the threshold of 20 million and the monthly figures look their growth does not seem to have run out here.

export-fermo-2008-3.jpg

Nel caso dei vini sfusi il rischio mercato sembra essere un po’ meno evidente: anche i primi 5 mercati mostrano una buona dinamica, che supporta tutte le esportazioni. Resta, come abbiamo appena detto, da capire se i volumi smettono di diminuire: dicembre 2008 e’ stato il primo mese positivo da molto tempo a questa parte. Speriamo sia solo il primo…
In the case of the bulk wine market the risk seems to be less obvious: even the top 5 markets show good momentum, which supports all exports. It remains, as we have just said, to understand if the volumes stop their decline: December 2008 was the first month with positive volumes on a yearly basis for a long time now. Hopefully it is just the first…

[TABLE=114]

Print Friendly, PDF & Email
Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>