Esportazioni di vino e spumante italiano – aggiornamento ottobre 2007

nessun commento

Ottobre 2007 e’ stato un mese estremamente positivo per le esportazioni italiane di vino e questo e’ ancora piu’ significativo quando si considera che questo mese e’ uno di quelli che “fanno l’anno”. Le tendenze che abbiamo visto negli ultimi mesi si sono confermate: i volumi sono in lieve diminuzione ma sono compensati da prezzi piu’ elevati, gli spumanti continuano ad andare particolarmente bene e i vini sfusi incominciano a segnare il passo a fronte di un evidente crollo dei volumi. Anzi, possiamo dire di piu’: ottobre e’ stato un mese storico per le esportazioni di vino italiano, dato che mai si erano raggiunti 374m di euro totali e mai gli spumanti avevano fatto 59m di esportazioni. Potrebbe essere che questo picco sia dovuto a una tempistica strana delle spedizioni, ma cosi’ e’, le esportazioni sono andate particolarmente bene.

e200710-1.jpg

October has been a very positive month for Italian wine exports and this is even more important as this month is a seasonally important one. The trend which we have seen recently were confirmed: volumes are slightly declining but are compensated by better prices, sparkling wines continue to perform very well and unbottled wine is still harmed by the sharp decline of volumes. October has therefore been probably the best month ever for wine exports, as we never saw a month of 374m of total exports, of which EUR59m for sparkling ines. It could well be a peak also explained by some monthly shifts, but it is still a very strong performance.


Vini imbottigliati. La crescita di Ottobre e’ stata del 10%, di cui il 7% derivante dai volumi. Nell’arco dei 12 mesi siamo arrivati a 11.3m/hl di vino in contenitori da meno di 2 litri, contro i 10.7 di un anno fa (+6%) a un prezzo medio di EUR2.45 al litro, che e’ esattamente lo stesso di 12 mesi fa. Possiamo quindi dire che il fenomeno di deterioramento del mix si sta quasi completamente riassorbendo. Chi guida la crescita? Bene degli EUR2.8bn di esportazioni come voi sapete USA e Germania contano poco meno della meta’: non sono stati pero’ loro a guidare la crescita, dato che sono soltanto l’1-2% al di sopra di un anno fa. La vera spinta viene in realta’ dal Regno Unito, che cresce dell’11% e che rappresenta quasi il 15% delle esportazioni. Ci sono poi come vedete alcuni mercati come la Svizzera e l’Olanda che crescono oltre il 10% e che restano tra i piu’ importanti mercati per il vino italiano imbottigliato.
Bottled wine. October has been up 10%, of wihch 7% from volumes. In the 12 months, we reached 11.3m/hl vs. 10.7m of last year (+6%) at a EUR2.45 per liter, which is the same of 12 months ago. We could therefore say that the impact of deteriorating mix is finally absorbed. Who is leading the growth? Out of the EUR2.8bn of exports, USA and Germany are just less than a half, but they did not lead the growth doing just +1-2% vs. last year. The true driver has been UK, with a +11%, which is now around 15% of the market for Italian bottled wine outside Italy. There are then some very strong markets such as Switzerland and Netherlands which are up by over 10% and which are amongst the most important countries for Italian wine exports.

e200710-2.jpg

Se per i vini imbottigliati si parla di una buona crescita, per gli spumanti si dovrebbe parlare di un boom e per i vini sfusi di significativa correzione (dovuta a un calo molto significativo dei volumi che esportiamo in paesi come Germania e Francia non compensato dalle esportazioni in Est Europa) . A ottobre, che e’ uno dei due mesi importanti dell’anno per gli spumanti, le esportazioni sono salite del 56% a valore e del 28% a volume. In tal modo gli spumanti hanno raggiungo il 10.5% delle esportazioni totali italiane (e ben il 16% per il solo mese di Ottobre). Su base annua, siamo arrivati a EUR364m di valore esportato, cioe’ +24%, con 1.2m/hl, cioe’ il 19% in piu’ di 12 mesi fa.

If bottled wine is growing well, sparkling wines are booming and unbottled wines are showing a significant correction (due to a very significant reduction of volumes which we export in countries such as Germany and France, not compensated by increasing exports in East Europe). In October, which is one of the two-three very important months for sparkling wines sales, exports were up 56% in value and 28% in volume: In this way, Italian sparkling wines reached 10.5% of exports (16% in October). On a yearly basis, we are now exporting EUR364m (+24%), corresponding to 1.2m/hl (+19%).

e200710-25.jpg

Vediamo chi si e’ innamorato dei nostri spumanti… se volessimo fare un giochetto potremmo dire che l’incremento delle esportazioni di circa EUR63m degli ultimi 12 mesi si compone in questa maniera: EUR18m addizionali nel Regno Unito, EUR9m in Russia, EUR8m in Spagna, EUR7m ciascuno in Germania e USA e i restanti EUR15m nel resto del mondo. Passando a una visione in percentuale, come potete vedere la Russia e la Spagna sono i veri mercati emergenti per lo spumante italiano, anche se la spina dorsale della crescita e’ chiaramente rappresentata dal solito trio: Stati Uniti, Regno Unito e Germania.
Who is buying so strongly Italian sparkling wines? The EUR63m increase experienced in 12 months is coming from: EUR18m UK, EUR9m Russia, EUR8m Spain, EUR7m each Germany and USA, the remaining EUR15m rest of the world. Moving to a percentage look as you can see Russia and Spain are the true emerging markets for Italian sparkling wines, although the bulk of growth is still represented by the three major markets (Germany, US and UK).

e200710-3.jpg

Print Friendly, PDF & Email
Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>