Quote di mercato 2004-05 negli spumanti italiani

nessun commento

Passiamo oggi brevemente in rassegna le quote di mercato dei produttori italiani di spumante (sia del totale che della sottocategoria metodo classico), relative al 2004-05, cosi’ come riportate dal Forum Italiano spumanti.
Today we provide the market shares for Italian sparkling wine producers in Italy (both total sector and metodo classico subsector), for 2004-05, as published by Forum Italiano Spumanti.

qspum1.bmp

Una prima considerazione e’ che il mondo degli spumanti sembra significativamente piu’ concentrato di quello del vino in generale. Questi dati che si riferiscono al totale degli spumanti vedono i primi 4 operatori coprire il 43.5% del mercato. Aggiungendo il 2.7% di Barbero, che di fatto e’ in mano a Campari, Campari arriva a essere il co-leader di mercato, e i primi 4 operatori raggiungono oltre il 46% del mercato. Di seguito la classifica completa.
A first conclusion is that sparkling wine sector is quite concentrated vs. the wine sector in general. The first 4 producers are covering 43.5% of the market. Adding to Campari Cinzano the 2.7% of Barbero (owned by Campari), Campari would become the coleader in the sector and would raise the total stake controlled by the first 4 players to over 46%.

Totale Spumanti2004-05
Martini & Rossi13,8%
Gancia F.lli11,1%
Campari Cinzano9,8%
Martini F.lli8,8%
Valdo2,7%
Barbero2,7%
Carpenè Malvolti2,2%
Cantina Valdobbiadene2,2%
Mionetto1,9%
Fontanafredda1,8%
Altri43,0%

Passiamo ora al metodo classico, per notare che il mercato e’ ancora piu’ concentrato. Berlucchi e Ferrari si dividono quasi la meta’ dei metodo classico italiano, con Mezzacorona al 10%. Diciamo che sotto questi tre tutti quanti hanno meno del 5% del mercato, a partire da Bellavista e Boschi. Notiamo anche una certa specializzazione nel metodo classico: ovvero i leader del mercato degli spumanti non fanno metodo classico: Gancia non c’e’, Martini e Rossi e Cinzano hanno l’1%. Noterei anche, per finire, che il gruppo Antinori e’ molto poco presente in questo segmento del mercato, che si caratterizza, come abbiamo visto, per una profittabilita’ ben superiore alla media dei produttori di vino, e che si confacerebbe molto bene al suo modello di business fatto di vini "premium" con alti margini.
We now address the metodo classico subsegment, where the market is even more concentrated. Berlucchi and Ferrari represent nearly half of the market, with Mezzacorona at 10%. After these 3 operators, all others have less than 5% of the market, starting from Bellavista and Boschi. We also note a "specialisation" of these producers: the leaders of the overall market are nearly not present in the "metodo classico" segment: Gancia is not there, Martini e Rossi and Cinzano just have 1%. I would also note, to finisch, that Antinori has a very limited market share, despite this market segment has a profitablity above the market average which would well suit its high-end wines business model.

qspum3.bmp
Metodo Classico2004-05
Ferrari – Lunelli24,3%
Berlucchi Guido24,0%
Mezzacorona10,3%
Bellavista4,9%
Boschi Agricola4,0%
La Versa3,2%
Catturich Ducco2,7%
Ca’ del Bosco2,4%
Cavit2,0%
Antinori1,7%
Martini & Rossi1,0%
Campari Cinzano1,0%
Berlucchi F.lli0,6%
Altri20,0%
Print Friendly, PDF & Email
Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>