I contributi europei all'espianto alla vite – fonte EU

2 commenti
Print Friendly, PDF & Email

Vi posto i numeri relativi ai contributi all’espianto della vite che l’UE ha approvato ad ottobre 2006. Si tratta di un programma di 6 anni per 2.4 miliardi di euro. Per quanto riguarda l’Italia si tratta di contributi di poco meno di 100m di euro annui, che corrispondono all’espianto di 13000-14000 ettari all’anno, circa il 2% della superificie vitata ogni anno.

These are the key figures of the EU contribution to reduce vineyard area in a program of EUR2.4bn for 6 years. As far as Italy is concerned, it is about EUR100m on a yearly basis, corresponding to the "cut" of 13000-14000 hectars on a yearly basis, or 2% of the total surface every year.

espianti-1.bmp


I dati definitivi del 2005-06 seguono nella tabella e sono esposti nei grafici successivi: 449 milioni spesi, 160m in Spagna, 109m in Francia, 97m in Italia. 81% in queste tre nazioni, 22% in Italia in termini di valore. In termini di ettari espiantati, il 37% in Spagna, il 23% in Italia, sempre il 79% nelle 3 nazioni. Altrimenti scritto: quasi 9000EUR/ha in Francia, circa 6600EUR/ha in Italia.

The definitive data for 2005-06 campaigns are in the table and in the following graph. EUR449m budget, of which 160m in Spain, 109m in France, 97m in Italy. These three countries make up 81% of the total budget, Italy represents 22% of the value. Looking at hectars, Spain accounts for 37%, Italy 23%. Still 79% of the surface in 3 countries. The graph also shows the contribution per hectar, which is higher in France at 9000EUR/ha, while it stands ta 6600EUR in Italy.

 

  2005/2006
  Definitive allocation
  area (ha) Amount per ha amount (€)
Austria 1 347 4 888 6 583 657
Cyprus 191 11 972 2 286 674
Czech Republic 634 1 268 803 923
France 12 302 8 795 108 193 418
Germany 1 966 6 357 12 497 530
Greece 788 7 234 5 700 190
Hungary 1 482 7 183 10 645 176
Italy 14 714 6 570 96 673 218
Luxembourg 7 8 000 56 000
Malta 20 5 491 109 815
Portugal 6 437 6 900 44 412 387
Slovakia 221 2 360 521 555
Slovenia 298 7 847 2 338 514
Spain 23 325 6 776 158 047 002
TOTAL 63 732 7 043 448 869 060

 

 

Allocazione 2006-07: poco cambia su i numeri totali, sempre 450 milioni, pero’ con meno ettari in ballo. Da 63000 a 56500, il che implica un aumento del ritorno medio per ettaro da 7000 a 8000 Euro. In Italia, da 6600 euro per ettaro a 7600.

2006-07 allocation is not very different. Still 450 million but with less hectars: from a total of 63000 to 56500, implhing an increase of average price per hectar moving from 7000 to 8000EUR. In Italy the change is similar: from 6600 EUR to 7600.

espianti-2.bmp

 

  2006/2007
  Indicative allocation
  area (ha) Amount per ha amount (€)
Austria 1 066 6 051 6 449 988
Cyprus 150 13 560 2 033 953
Czech Republic 1 214 2 364 2 869 670
France 12 734 8 715 110 973 729
Germany 1 906 6 658 12 690 042
Greece 1 118 7 804 8 725 230
Hungary 1 211 8 001 9 688 862
Italy 13 056 7 646 99 825 428
Luxembourg 11 7 636 84 000
Malta 16 6 722 107 545
Portugal 3 918 8 327 32 626 123
Slovakia 400 5 000 2 000 000
Slovenia 122 19 680 2 400 955
Spain 19 567 8 153 159 524 473
TOTAL 56 498 7 965 450 000 000

espianti-3.bmp

Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

2 Commenti su “I contributi europei all'espianto alla vite – fonte EU”

  • Gianpaolo

    Quasi tutto l’establishment vinicolo italiano, sempre compatto nel difendere la conservazione dello status quo, si è pronunciato a sfavore di questa misura, che a loro detta, porterebbe l’ UE a soccombere ancora di più nei confronti dei paesi viticoli a maggior sviluppo (nuovo mondo). Si sostiene, nella maggior parte dei casi, che l’incentivo ad estirpare correrebbe il rischio di incentivare l’espianto dei vigneti più difficili, di qualità ma di minor redditività. Ovvero, se capisco bene, si accuserebbe una misura di funzionare per quello che effettivamente è stata creata!!! C’e’ qualcosa che vi sfugge? Anche a me, ma se volete seguire il ragionamento, spesso contorto ed involuto, dei “signori della vite” vi dovete abituare. A me ricorda, un poco da lontano, la polemica delle unioni di fatto, le quali, se regolarizzate metterebbero a repentaglio l’istituzione famiglia. Qui invece qualche viticoltore che si è accorto di aver sbagliato mestiere, qualcuno vicino alla pensione ma senza ricambio generazionale, e più in generale qualcuno che ci rimette, uscendo fuori dal ciclo produttivo causerebbero nocumento alla viticoltura europea. E le centinaia di milioni l’anno spesi per finanziare le eccedenze mandate alla distillazione? Non vi preoccupate, la coerenza non è un obbligo, anzi.

  • bacca

    Come sai, sfondi una porta aperta. Qui si sta aiutando degli operatori marginali a uscire da un mercato in cui la loro posizione non e’ sostenibile. Il che e’ concepibile dal punto di vista umano, inconcepibile in un ottica di mercato libero e allocazione delle risorse.

    In realta’ questi soldi dovrebbero essere spesi per la ragione contraria: abbiamo dei vitigni in zone difficili, con minore redditivita’, che pero’ RAPPRESENTANO UNA RICCHEZZA DAL PUNTO DI VISTA CULTURALE O PAESAGGISTICO e quindi hanno un beneficio PUBBLICO che va al di la’ dei soldi che fanno fare al produttore? Bene, allora aiutiamolo a tenerli in ordine e in esercizio e difendiamo il patrimonio.

    Un po’ come nei parchi nazionali in montagna, dove si sostiene una pastorizia o un’agricoltura “sostenibile” per l’ambiente e che arricchisce la tradizione e la cultura, ma insostenibile per l’agricoltore.

    Ma stiamo nel mondo dei sogni…

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>