Esportazioni italiane di spumante – dati storici per denominazione – Fonte ISMEA – aggiornamento 2005

9 commenti

Dall’ottimo sito di ISMEA possiamo analizzare le esportazioni italiane di spumanti. Purtroppo i dati si riferiscono agli ettolitri e non ai valori, che forse disegnerebbero un panorama molto differente. Comunque, abbiamo esportato 864000 hl nel 2005,  con una tendenza non proprio crescente negli anni, visto che restiamo sotto il record di 893000 del 1999, caratterizzato da esportazioni molto rilevanti di Asti spumante. L’Asti spumante e’ il protagonista a livello di volumi, anche se come vedremo dai grafici successivi non ha avuto una crescita rilevante negli ultimi anni.

From the internet site of ISMEA we get the key data for exports of Italian sparkling wines. The figures refers to volumes and not to values, unfortunately. Exports totalled 864000 hl in 2005, with a flat trend in the past years, as we were still below the record of 893000 hl reached in 1999, when Asti spumante had a very strong year. Asti spumante is the key driver of volumes, although we will see that the trend of the past years has not been very exciting.

 

spumanti1.bmp

Proprio l’Asti spumante e’ il componente piu’ rilevante delle esportazioni, con poco meno di 400000 hl, cioe’ circa il 47% del totale. Dopo di che, molto importante e’ il progresso del Prosecco, che e’ cresciuto del 12% annuo negli ultimi 8 anni, piu’ che raddoppiando le esportazioni, raggiungendo una quota di mercato del 9%. Una performance simile a quella della Franciacorta (+11% annuo) con la differenza che per il Prosecco si parla di 78000 hl, mentre per la Franciacorta siamo a 2700 hl. La Franciacorta mostra anche un rilevante calo nel 2005 (-38%). "Togliendo" il 2005 e fermandosi al 2004, la Franciacorta mostra una crescita impressionante: +22% annuo.

So, we were saying that Asti is the key driver of Italian exports, with just less tha 400000hl in 2005, representing 47% of the total. After it, there is Prosecco, which grew by 12% annually in the last 8 years, more than doubling exports since 1997, and reaching a 9% share of total exports. A similar growth was posted by Franciacorta region (+11%) although the last year was quite weak (-38%) and the absolute volumes are nearly not significant if compared to the total. Anticipating our calculation to 2004 instead of 2005, Franciacorta showed an impressive performance: +22% yearly.

  1997 1998 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005
Asti 401,258 395,228 458,963 345,255 365,573 385,335 385,350 379,065 402,825
Prosecco di Conegliano Valdobbiadene  30,548 31,125 39,000 40,500 47,588 51,000 55,500 60,000 78,000
Oltrepò Pavese spumante  nd  nd  nd  nd nd nd nd 12,750 15,000
Brachetto (DOCG e DOC)           4,065 4,471 4,687 6,257
Franciacorta  1,146 1,362 2,246 2,359 2,522 2,874 3,975 4,350 2,708
Altri spumanti  357,995 328,264 392,461 327,706 391,739 441,722 399,510 349,169 357,377
Totale spumante  790,946 755,978 892,670 715,820 807,420 884,996 848,806 810,021 864,034

 

spumanti2.bmp

Print Friendly, PDF & Email
Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

9 Commenti su “Esportazioni italiane di spumante – dati storici per denominazione – Fonte ISMEA – aggiornamento 2005”

  • Rossano

    Ciao Marco, intanto complimenti per il bel blog, l’ho messo subito fra i miei preferiti.

    Ho dato un’occhiata a questo articolo, che mi interessa particolarmente perché mi sono occupato degli spumanti italiani metodo classico da uve autoctone. Visto che gli “altri” sono ben il 41% del totale, sarei molto curioso di andare a scomporre questa quota per vedere come è composta. Che tu sappia ci sono dati di maggiore dettaglio? Articolano solo per denominazione, oppure permettono di impostare il grafico anche secondo altri parametri, come ad esempio le tecniche di spumantizzazione, l’indicazione del millesimo, etcetera?

    Grazie, e buon anno.

    Rossano

  • Rossano Ferrazzano

    Una domanda: perché hai ritenuto di evidenziare le statistiche della Franciacorta cassando il dato del 2005? Forse è proprio quello la chiave più utile per comprendere la realtà di cui si sta offrendo rappresentazione qui…

  • bacca

    Ciao Rossano e buon anno anche a te.
    Dunque, ho escluso l’ultimo anno per la Franciacorta in quanto mostra un calo molto rilevante e per certi versi innaturale. Purtroppo mi accorgo proprio ora che la tabella non funziona bene e non si vedono tutti i numeri. Provvedero’ a correggerla. Ad ogni buon conto, nel 2005 le esportazioni sono crollate da 4.3k hl a 2.7k hl in un anno, tornando sui livelli del 2001-02 dopo due anni molto positivi.
    Ora, ero un pochino indeciso pero’, visto che qui lo scopo era quello di commentare i trend storici (cioe’ se qualcuno guadagna o perde in modo “evidente” nel corso del tempo), mi era sembrato che il dato 2005 (di cui non conosco l’origine e forse tu qui mi puoi aiutare) “rompesse” un trend positivo che durava ininterrotto dal 1997. Se guardi i trend storici nel mondo del vino ti accorgi che alcuni anni sono “fuori linea” rispetto alle tendenze di lungo termine. Se tu metti come punto di arrivo proprio quell’anno, arrivi a delle conclusioni sulle crescite che sono errate. Nel testo e’ specificato che la crescita che e’ stata dell’11% annuo negli 8 anni (comunque alta) sarebbe stata del 22% annuo se ti fermavi a 7 anni (quindi altissima). Dunque, qual’e’ il numero giusto? Per non sbagliare li ho messi tutti e due.

    Riguardo al 41% “altro” provo guardo se ho qualcosa, ma non garantisco, nel senso che se quelli di ISMEA sono seri si tratta di un mondo (357000hl) fatto di gente che sta sotto i 3000hl piu’, immagino, i vini spumanti fuori dalle denoninazioni di origine.

    Un saluto

    bacca

  • Rossano Ferrazzano

    Quindi meno dello 0,5% del totale. L’interessante sarebbe andare a sommare queste micro-fettine secondo diversi principi di aggregazione rispetto alla denominazione, come ad esempio il metodo di vinificazione, il millesimo o il vitigno autoctono7alloctono, etcetera. Se hai un suggerimento per recuperare dati di maggior dettaglio, ti ringrazio molto.

    Quanto alle statistiche del Franciacorta, le anomalie, pur inevitabili, più sono grandi e meno sono casuali, specie se in controtnendenza rispetto all’andamento contemporaneo delle statistiche del settore di appartenenza. Il 2005 è stato un anno molto difficile, commercialmente, ma un crollo del genere forse si spiega con certe scelte, con un posizionamento complessivo del Franciacorta che potrebbe non essere il migliore. Ovviamente mi auguro di essere smentito dalle statistiche del 2006, riallineate all’interpolante della serie precedente, ma ancor più mi auguro che invece l’atteggiamento di chi ha responsabilità sulle politiche consortili e commerciali sia più prudente e più critico, per evitare che il campanello d’allarme non rimanga inascoltato.

  • bacca

    Beh, a pensarci bene pero’ qualcosa di grosso manca… IL TRENTINO!!! Se prendi CAVIT e Ferrari insieme esporteranno circa 7-8 milioni di euro all’anno, diciamo che un altro milioncino lo fanno tutti gli altri… quindi mettiamo 8 milioni, prezzo medio diciamo intorno a 4 euro al litro (sempre molto largo circa), fanno 2m di litri, quindi fanno 20000 ettolitri in una ipotesi prudenziale… Il consorzio dice che vengono prodotte 7.3m di bottiglie, che farebbero circa 5.5m di litri… il che significherebbe che il nostro conto metterebbe un export del 35% del totale della produzione… forse un pochino aggressivo ma non del tutto fuori dal mondo (CAVIT e’ un grande esportatore, Ferrari invece no, Mezzacorona non so).

    un buchetto lo abbiamo coperto, ora ci resta il rimanente bucone…
    …chi ha idee si faccia avanti!

    bacca

  • michela

    Buongiorno,
    sono Michela De Bona,
    responsabile relazioni esterne di un’azienda spumantista veneta, la Bisol Desiderio & Figli (www.bisol.it).
    Sto realizzando uno studio relativo all’andamento delle vendite nel corso degli ultimi dieci anni delle principali tipologie di spumanti italiani e stranieri:
    in particolare, sto cercando di raccogliere i dati di vendita dei seguenti spumanti

    * Champagne
    * Cava
    * Franciacorta
    * Trento Classico
    * Asti
    * Valdobbiadene Prosecco Doc

    Ho letto con molto interesse lo studio che avete realizzato sul settore vitivinicolo.
    Desiderei sapere se potete aiutarmi a recuperare il genere di dati che mi interessano o, perlomeno, se potete suggerirmi i riferimenti di istituzioni in grado di fornirmeli?

    Vi ringrazio molto
    a presto
    Michela

  • bacca

    Ho sfortunatamente perso un prezioso file con le serie storiche che deve essere sul PC di casa, che a quanto mi racconta mia moglie (notizia di qualche minuto fa) e’ defunto oggi per manifesta vecchiaia. Ho le serie di produzione o vendita di Oltrepo’, Franciacorta, Prosecco e Asti Spumante (oltre che di Brachetto). Sono sprovvisto di Trento DOC, Cava e Sciampagn (di questo ho dei dati di export ma non di produzione intesi come trend storici su diversi anni).
    Mi riprometto di mandarle qualcosa nei prossimi giorni.

    Piuttosto potremmo fare una azione combinata con Rossano sul consorzio del Trento DOC per sfilargli qualche numero!

    bacca

  • Paola

    Buongiorno Marco,
    mi chiamo Paola e vivo a Bruxelles, dove sto frequentando un Master in Business Administration.

    Nell’ambito del corso “Tecniche quantitative di gestione” mi è stato richiesto di fare un lavoro di analisi di evoluzione delle vendite di un prodotto a mia scelta. Utilizzero’ diverse tecniche statistiche, dalla regressione semplice fino a metodi più complessi quali modelli ARIMA e regressioni multiple.

    Data la mia origine (piemontese..) mi piacerebbe focalizzarmi sull’Asti Spumante: potresti gentilmente mandarmi via e-mail le serie storiche di dati di vendita per questo vino di cui sei in possesso?

    Grazie mille per la preziosa collaborazione!

    Paola

  • bacca

    Ciao Paola,
    complimenti per la scelta, innanzitutto, che condivido, essendo piemontese come te. Le serie storiche di vendita che ho te le mando per email, visto che nel commento non posso attaccare dei files. Per chi legge, preannuncio che saranno sul blog in formato xls con grafici e commenti verso fine gennaio…

    ciao

    bacca

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>