Campari: le vendite dei primi 9 mesi e la stagionalita' del fatturato

nessun commento
Print Friendly, PDF & Email

I numeri dei primi 9 mesi di Campari sono caratterizzati dal consolidamento di Terruzzi e Puthod, che porta a un incremento del 3-4% del fatturato. Nei primi nove mesi il fatturato e’ salito a 80 milioni da 76 milioni, cioe’ +6%, cosi’ scomposti: +3.5% grazie alle acquisizioni, +2.1% crescita organica (cioe’ a parita’ di attivita’), +0.5% dai cambi.

Campari 9 months results are characterised by the consolidation of Terruzzi & Puthod, which brough a 3-4% increase of sales. In the first 9 months, sales were 80 million, up from 76m, +6%, with the following breakdown: +3.5% acquisitions, +2.1% organic growth, +0.5% exchange rates.

L’aspetto piu’ interessante e’ pero che questa crescita e’ accelerata lungo i trimestri: da un valore "organico" negativo nel primo trimestre, a un bel +6.5% sull’anno precedente nel trimestre chiuso al 30 Settembre: segno che la performance del segmento vino di Campari sta migliorando con l’andare dei trimestri.

It is interesting to highlight that this growth accelerated over the quarters in 2006: from a negative organic growth in Q1, Campari posted an impressive +6.5% organic in Q3-06: the performance is clearly improving.

CAMPARI2-1.bmp

 Tra i marchi che stanno performando meglio, gli spumanti Cinzano (+13%), grazie al rilancio in Germania, e anche i vermouth (+6.7%). Sella e Mosca fa +1% sui 9 mesi, con segno positivo all’export e calo in Italia. The best performers among the key brands were Cinzano sparkling wines (+13%) and Cinzano vermouth (+6.7%), while Sella e Mosca had a quite disappointing performance of +1% due to a slight reduction of Italian sales.

Il secondo ordine di considerazioni riguarda la stagionalita’ del business di Campari, che probabilmente e’ ulteriormente accentuato dall’esposizione piuttosto rilevante al segmento spumanti (Cinzano, Riccadonna e Mondoro). Circa il 40% del fatturato annuo si realizza nell’ultimo trimestre, contro soltanto il 16% nel primo trimestre.

The second comment is about the seasonality of Campari business, here based on 2005 revenues. Q4 is clearly critical, representing 40% of sales, while Q1 is not really significant with just 16% of revenues. This is clearly due to the strong exposure to sparkling wines (Cinzano, Riccadonna and Mondoro).

CAMPARI2-2.bmp

Vendite pero’ non sempre significano utili. Raggruppando i numeri sui semestri (non ci sono dati trimestrali completi per il segmento vino), ci si accorge che nel primo semestre 2005 il fatturato e’ stato il 37% del totale, mentre l’utile operativo e’ stato il 44% del totale, il che implica margini piu’ elevati di Campari nel primo semestre, probabilmente dovuto alla concentrazione delle campagne pubblicitarie nella seconda meta’ dell’anno.

Sales are not always profits: grouping data by semester, we conclude that in 2005, Campari had only 37% of sales in H1 but generated 44% of the trading profit, implying that margins are better in the first months of the year, when probably the advertising expenses are not present, being concentrated towards the end of the year.

  

CAMPARI2-3.bmp

Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>